«WHO CARES A LOT? THE GREATEST HITS - Faith No More» la recensione di Rockol

Faith No More - WHO CARES A LOT? THE GREATEST HITS - la recensione

Recensione del 09 dic 1998

La recensione

E così quasi vent’anni sono passati anche per i Faith No More e il loro crossover targato San Francisco. Non che il gruppo si sia mai amato troppo, per carità, (v. biografia), ma alla fine un certo quale equilibrio era arrivato ad averlo. Gli anni ’80 sono stati il loro incredibile laboratorio, gli anni ’90 hanno permesso a Patton e soci di raccogliere una parte cospicua di quanto avevano seminato, ma forse non tutto. E così ecco arrivare sugli scaffali questa bella raccolta, che unisce ai singoli più celebri del gruppo alcune rarità e inediti che ne completano la eterogenea facciata musicale. Sì, perché un gruppo potente, iconoclasta e originale come i Faith No More, ha anche conosciuto l’onta - si fa per dire... - di essere apprezzato per la cover di uno dei brani teoricamente più lontani dal proprio territorio, quella "Easy" dei Commodores che le radio immediatamente adottarono come un tormentone dall’album "°Angel dust". Spulciando "Who cares a lot?" arrivano altre sorprese, come la cover di "I started a joke" targata Bee Gees, il tema del film "Midnight cowboy", "Highway star" dei Purple e, gran finale, "This guy’s in love with you" di Burt Bacharach. Sono queste le ‘gemme’ che infiorettano una raccolta di rocksongs che sono dei veri e propri classici di quella terra di nessuno che sta fra il mainstream e l’underground, terrà della quale i Faith No More sono forse stati signori indiscussi come nessun altro. "Introduce yourself", "Epic", "Falling to pieces", "Midlife crisis", "Digging the grave", "Evidence", "Ashes to ashes", "Last cup of sorrow", "Stripsearch" sono grandi momenti di musica in libertà, souvenir di una band che farà sentire la sua mancanza soprattutto dal vivo.

Tracklist:

CD1
"We care a lot" (original version)
"Introduce yourself"
"From out to nowhere"
"Epic"
"Falling to pieces"
"Midlife crisis"
"A small victory"
"Easy"
Digging the grave"
"The gentle art of making enemies"
"Evidence"
"I started a joke"
"Last cup of sorrow"
"Ashes to ashes"
"Stripsearch"

CD2
"The world is yours"
"Hippie jam song"
"Instrumental"
"I won’t forget you"
"Introduce yourself" (4 track demos)
"Highway star"
"Theme from midnight cowboy"
"This guy’s in love with you"

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.