«SCIUOGLIE 'E CANE - Almamegretta» la recensione di Rockol

Almamegretta - SCIUOGLIE 'E CANE - la recensione

Recensione del 30 gen 2004

La recensione

Raiz è uscito dal gruppo.
Direte voi: facile, dopo il romanzo di Brizzi, incominciare così una recensione. Infatti ne ho lette altre che hanno la stessa frase d’attacco. Quello che è importante però in questo momento non è discutere sul titolo di un libro che ebbe fortuna qualche anno fa, ma piuttosto sul fatto che “Sciuoglie ’e cane”, senza Raiz, potrebbe anche non funzionare.
E invece funziona.
Quella dell’apertura verso l’esterno non è una ricetta di sicuro successo: per esempio le “coppie aperte” – ci insegna la storia – lasciano il tempo che trovano. E così pure i barattoli di marmellata dimenticati aperti troppo a lungo, le scarpe aperte (quando piove), e un sacco di altra roba. Gli Almamegretta invece, che si autodefiniscono “progetto aperto”, in questo disco se la cavano alla grande.
Intanto, proviamo a dire chi c’è. Sono tornati: gli “storici” Gianni Mantice (chitarra/mandolino) e Patrizia di Fiore (voce). Sono arrivati: Lucariello (giovane talento cresciuto nei vicoli a pane e Almagretta; canta, e molto bene); Francesco Di Bella dei 24 Grana (in “Solo cu tte”), Marco Parente (in “The neverland” e “Verào”). Poi ci sono: Gennaro T. (batteria &programs), D.RaD (sound&programs, recentemente visto anche nel tour semi-acustico di Ligabue e rekativo disco dal vivo), Mario Formisano (basso trombone), Guido Russo (basso in “Nowhere home”), Sasha Ricci (principalmente al piano). Riuscite a figurarvi questa formazione in studio? Se sì, potete farvi già un’idea
1) della complessità
2) della stratificazione
3) della coralità dell’album – tre definizioni in apparenza difficili ma, vi assicuro, molto azzeccate.
“Sciuoglie ’e cane” canta Napoli con disinvoltura, modernità, coraggio ed entusiasmo. Unisce il Vesuvio a Londra, e poi va oltre. Che mischia nel calderone pop, jazz, dub, grooves al rallentatore e bassi-davvero-bassi. Le nostre preferite: la poetica “Lo stesso vento” (“Dimmelo/ pure senza parole/ che senti quello che sento; Dimmelo/ pure senza parole/ che siamo lo stesso vento); “Solo cu tte”, suggestioni mediterranee & ipnosi elettronica; e poi l’intro innocua, che serve a preparare il terreno, e il funk ritmatissimo di “Sciuoglie ’e cane”. In senso più ampio, comunque, avercene di album così, che mescolano emozioni, sensazioni, rabbia, melodie e sperimentazioni. Fedeli all’anima migrante ma anche capaci di mettere radici. Un mosaico in bilico tra ricerca, tradizione e sperimentazione, non solo musicale: il disco è cantato in quattro “lingue” (italiano, napoletano, portoghese, inglese).
Un lavoro intelligente, stimolante, da ascoltare con attenzione ma adatto anche ai novizi. Realizzato con la tecnica e pensato con il cuore. Il contrario, vedete, non sarebbe altrettanto efficace.

(Paola “Marameo” Maraone)

TRACKLIST

06. El nino y la pelota
07. Polvere
10. Murderer’s blue
12. Verào
14. Stella
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.