«THE HOUSE CARPENTER'S DAUGHTER - Natalie Merchant» la recensione di Rockol

Natalie Merchant - THE HOUSE CARPENTER'S DAUGHTER - la recensione

Recensione del 18 gen 2004

La recensione

Che disco può fare, per puro piacere personale, una ex reginetta del college rock americano, sciolto il contratto con una major e divenuta unica padrona, ormai, del suo destino? Un disco fuori dal tempo, che ci arriva per posta e via Internet (sul sito www.nataliemerchant.com) ma che sembra di aver appena scovato tra gli scaffali polverosi di qualche negozietto di anticaglie musicali. Perché “The house carpenter’s daughter” ha il brivido elettrico, la spontaneità esuberante e il sapore dimenticato dei grandi album folk-rock fine anni ’60, del “Liege and lief” dei Fairport Convention o di quella musica che la Band di Robbie Robertson cucinava nel “basement” della sua grande casa rosa in quel di Woodstock.
Undici cover, che alla canzone popolare angloamericana guardano da angolazioni temporali diverse: ballad secolari in quantità, riarrangiate per strumentazione rock, ma anche “finti” traditional scritti in epoca moderna secondo i dettami dei tempi che furono. Qui si parla di lavoro, sfruttamento, lotte sindacali, emigrazione forzata, guerre, streghe, magia, omicidi, amori contrastati dal ceto e dal censo: di quella sostanza umana e storico-sociale, insomma, di cui si è sempre nutrita la popular music, il sentire collettivo e l’immaginazione delle classi lavoratrici. Oggi, nel nostro mondo che ha perso la memoria, Natalie è una di quelle che ancora portano la torcia, che ancora tengono accesa la fiamma del ricordo. Le canzoni che ha scelto raccontano di uomini e di donne, di passioni intime e di drammi collettivi, e per questo sono così vive. Gli amanti del rock ne riconosceranno diverse: la desolata “Poor wayfaring stranger”, per esempio, che stava nel “Solitary man” di Johnny Cash, terzo capitolo delle sue testamentarie “American recordings”; o “Which side are you on?”, la stessa canzone di protesta che Billy Bragg incise nel 1985 per sostenere lo sciopero dei minatori inglesi contro il governo di Margareth Thatcher. E “Crazy man Michael” (firmata Thompson-Swarbrick) è una di quelle ballate rock elettriche in spurio ed eccitante stile tradizionale che al succitato “Liege and lief” valsero la palma di pietra miliare del folk rock inglese. C’è un omaggio alla leggendaria Carter Family, campionessa della old time music dei Monti Appalachi (“Bury me under the weeping willow”, un bluegrass galoppante) e c’è un reperto dagli storici archivi della “Anthology of American folk music” di Harry Smith (“Down on Penny’s farm”), c’è un inno sacro sepolto nella memoria collettiva (“Weeping pilgrim”) e una filastrocca infantile da salto della corda che qui diventa un rock blues teso e nervoso (“Soldier, soldier”). C’è una sinistra murder ballad, “Diver boy”, che la chitarra di Erik Della Penna tinge di adeguato giallo-thrilling (a me ricorda molto certi arrangiamenti dei dimenticati Fotheringay di Sandy Denny) e c’è una ballata lenta e maestosa, “Owensboro”, che meglio di un film o di uno sceneggiato Tv racconta tribolazioni e umiliazioni di un’umanità strappata alle campagne e rinchiusa tra le mura spietate di una fabbrica (non sembra molto diversa, la rivoluzione industriale della Cina di oggi…). Tutto è bello, intenso, commovente, vitale, in questo disco: grazie anche alla voce tremula e partecipante della Merchant, alla dedizione e alla discrezione dei suoi accompagnatori (al basso elettrico c’è l’insospettabile Graham Maby della Joe Jackson Band, e accanto a chitarre e tastiere ci sono banjo, violini e fisarmoniche).
Ah, già. Gli addetti ai lavori smaliziati che la sanno lunga e che decretano cosa è “in” e cosa è “out” la liquideranno come un’operazione di piccolo cabotaggio, fatta da un’artista che ha già speso i suoi quindici minuti di celebrità. Può darsi. Intanto Natalie ha venduto settantamila copie dell’album (dati vecchi di un mese, ormai), recuperando abbondantemente i costi di produzione. Con piena soddisfazione: sua e nostra.

(Alfredo Marziano)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.