«ONE HEART - Celine Dion» la recensione di Rockol

Celine Dion - ONE HEART - la recensione

Recensione del 09 mag 2003

La recensione

La Signora-Accontenta-Tutti mette a segno un altro colpo. E – ci scommettiamo - si guadagna con “One heart” una nuova quota di fan che prima non la consideravano neanche di striscio: i giovani(ssimi). Quest’album è vivace, brillante, leggero. Funziona. Con ogni canzone Celine “sistema” una rivale: la traccia di apertura, “I drove all night”, è la risposta, pure un po’ cattivella, a “Believe” di Cher. Tiè. I pezzi più dance/r&b (“Love is all we need”, “Stand by your side” oppure “One heart”) mettono a posto bambine come Shakira o Britney Spears: ritiè. Le ballad, quelle non mancano mai: “Faith” e “In his touch” sono nate per inchiodare alle proprie responsabilità ragazze come Gloria Estefan o Mariah Carey (che peraltro già naviga in cattivissime acque). Stratiè.
Ma se cercate sorprese qui dentro, è nostro compito disilludervi subito: non ce ne sono. Del resto la forza di Celine sta proprio nell’essere un tipo rassicurante, tutto sommato prevedibile. Una sulla cui voce si può contare, una che non cambia strada e tira dritta anche nei momenti più difficili. Una che fin da piccola ha mostrato la propria determinazione: chi non conoscesse la sua storia sappia che la più giovane dei 14 fratelli Dion, nata in un paesino sperduto del Quebec, ha cominciato 12enne, nel 1980, mandando un nastro con la sua voce al manager René Angelil (sì: proprio quello che da nove anni a questa parte è diventato suo marito). Si narra che il pover’uomo, dopo averla sentita cantare dal vivo nel suo studiolo, sia scoppiato a piangere e abbia deciso di dedicarsi a lei con tutta l’anima (in seguito, anche con il corpo). Poiché Celine, per via di un vago difetto agli incisivi, veniva soprannominata dagli amici Canine Dion, Angelil le impose un restyling totale: che ebbe luogo tra l’86 e l’87, durò 18 mesi e ottenne subito bei risultati – la fama, il successo, i dischi venduti, e il resto è storia. In particolare quest’album respira l’aria buona delle belle cose che sono successe di recente a Celine, prima tra tutte la nascita di un figlio (due anni fa). Che altro dire? Questo disco, in realtà, si spiega da sé. Aiuterà la Dion a infrangere qualche altro record di vendite (finora con tutti i suoi album è arrivata a 150 milioni di copie nel mondo. Non è paglia). Se amavate la signora, grazie a “One heart” la adorerete. Se la odiavate, il disco non vi farà cambiare idea. E’ questo il bello di Celine: è un tipo prevedibile. Finora.


(Paola Maraone)

TRACKLIST

01. I drove all night
02. Love is all we need
03. Faith
04. In His touch
05. One heart
06. Stand by your side
07. Naked
08. Sorry for love
09. Have you ever been in love
10. Reveal
11. Coulda woulda shoulda I
12. Forget me not
13. I know what love is
14. Je t'aime (encore)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.