«HOME - Simply Red» la recensione di Rockol

Simply Red - HOME - la recensione

Recensione del 01 apr 2003 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Si fa presto a dire anni ’80. Come se le periodiche ondate di revival - promosse da compilation, manifestazioni e trenta-quarantenni che al tempo ascoltavano queste canzoni - bastassero a certificare che il periodo è stato uno dei migliori della storia della musica.
Non lo è stato, per la cronaca. Ha avuto molti alti e altrettanti bassi, ed è curioso che nelle periodiche rivisitazioni si rispolverino soprattutto questi ultimi, nomi che, al tempo, quasi ci si vergognava a citare.
I Simply Red fanno parte a pieno titolo degli anni ’80. Della seconda metà, per la precisione, e con il loro soul pop hanno dominato abbondantemente le classifiche del periodo. Non hanno mai preteso di ergersi a paladini della trasgressione o dell’innovazione, ma hanno sempre mantenuto una loro dignità artistica, mai sfociata in scelte di basso livello. E, giusto per chiarire lo sfondo, questo “Home” è sì un ritorno alle origini, ma non è un disco centrato sulla nostalgia per quegli anni.
“Home” è il primo disco inciso per un’etichetta indipendente, dopo la separazione dalla major East/West. Mick Hucknall, indiscusso leader della band, ha così creato la Simplyred.com, e ha rivenduto il disco in licenza a singole etichette, paese per paese: in Italia lo distribuisce e lo promuove la NuN.
Causa della fine del periodo culminato in “Love and the Russian winter” è stata anche una tendenza alla sperimentazione che ha un po’ snaturato il suono della band. Così questo disco è una sorta di ritorno a casa, ma senza troppa malinconia. Ve ne sarete accorti ascoltando il singolo “Sunrise”, programmatissimo dalle radio italiane: il mix di melodia e voce “nera” è quello che ha fatto la fortuna (40 milioni di copie vendute), unite con un tocco di modernità (il campione che fa da base al disco, un “sample” di Hall & Oates).
Questo “Home” va quindi inserito alla voce “andata & ritorno”, più che a quella “revival”. E’ l’ennesima dimostrazione dell’inevitabile percorso di chi fa musica con successo: si stabilisce uno standard, ci si stufa (o lo si sente come una gabbia), ce ne si allontana sperimentando – spesso con insuccesso di pubblico e critica -, e si torna all’ovile. Molti grandi nomi – anche in tutt’altro genere musicale – hanno seguito questo percorso: dagli U2 a Springsteen, per arrivare agli Oasis, per citare i primi nomi che vengono in mente.
Seguendo questa logica, in “Home” troverete una manciata di buone canzoni, cantate con una voce unica, e arrangiate in modo sobrio, con concessioni all’elettronica limitate e mirate (forse solo le ritmiche di “Money in my pocket”) e molta enfasi su quel soul pop che è il marchio di fabbrica di Hucknall e soci. Spicca su tutte la cover di Dylan, “Positively 4th street”, ma in generale “Home” è un disco piacevole, che non ha grosse cadute di tono e che ha tutte le caratteristiche e le canzoni per riavvicinare Hucknall al grande pubblico : dalle ballad (“You make me feel brand new” e la title track) alla solarità contagiosa (“Fake”).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.