«BY THE GRACE OF GOD - Hellacopters» la recensione di Rockol

Hellacopters - BY THE GRACE OF GOD - la recensione

Recensione del 10 mar 2003

La recensione

Se fossimo degli oltranzisti, ci sarebbe subito da preoccuparsi. Scegliersi un titolo come "Per grazia di Dio" potrebbe suonare come una resa, visto che in questo ambito spadroneggiano di solito satanassi, autostrade per l'inferno, donne e motori (sempre su di giri, sia le donne che i motori). Lo stesso nome Hellacopters è un riferimento chiarissimo a quel mondo. Ma è sufficiente ascoltare il pezzo che dà il titolo all'album per tranquillizzarsi: il gruppo svedese resta ancorato alla sua idea di rock, mutuata da una lunga linea che parte da MC5 e Stooges (purgati rispettivamente dagli slogan politici e dalla foga autodistruttiva) e passa attraverso Kiss, Radio Birdman, AC/DC, Motorhead... Forse la grazia divina è l'inaspettata sorpresa che questi suoni sembrano essere tornati di moda e quindi le prospettive commerciali si fanno interessanti. Non che finora gli Hellacopters se la siano passata male - lo stesso "By the grace of God" è già disco d'oro in Svezia -, ma adesso il grande mercato mondiale potrebbe essere davvero a portata di mano. Tanto più che i cinque si fanno trovare pronti all'appuntamento. Il nuovo album, più del predecessore "High visibility", mostra che il gruppo ha trovato il modo di bilanciare la pulizia di suoni di una produzione destinata alla pubblicazione su major e la fedeltà assoluta al proprio stile. I cinque svedesi infatti sparano una raffica di pezzi decisamente convincenti e dimostrano di poter superare tranquillamente il confronto con band più giovani, anche le più chiacchierate negli ultimi mesi. Si può rimpiangere l'approccio più ruvido e ruspante dei primi lavori, ma non c'è dubbio che in questi anni la band abbia imparato a dosare le forze e può permettersi un pizzico di varietà in più. Qui si alternano momenti più epici (la title-track, il tipo di canzone di cui avrebbe bisogno Axl Rose per rilanciare la sua carriera) con spinte decise sull'acceleratore ("Better than you") e pause più controllate ("Rainy days revisited") senza perdere mai di vista la necessità di mettere insieme una buona canzone. Promossi a pieni voti, dunque. Si potrebbe allargare la questione e chiedersi se abbia senso rimettere in gioco l'estetica classica del rock duro prima maniera, se capelli lunghi, jeans e headbanging possano essere una via d'uscita alla monolitica pesantezza del nu-metal (che si dà ormai per spacciato) o se si tratti di un vicolo cieco, di un'onda che media e discografia possono cavalcare per qualche mese nella speranza che emerga qualcuno con il carisma da star. Ma, per grazia di Dio, ha senso porsi così tanti problemi?

(Paolo Giovanazzi)

TRACKLIST

01. By the grace of God
02. All new low
03. Down on Freestreet
04. Better than you
05. Carry me home
06. Rainy days revisited
07. It's good but it just ain't right
08. U.Y.F.S.
09. On time
10. All I've got
11. Go easy now
12. The exorcist
13. Pride
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.