«ASHANTI - Ashanti» la recensione di Rockol

Ashanti - ASHANTI - la recensione

Recensione del 14 giu 2002

La recensione

“Di fronte a voi c’è l’etichetta discografica più ingegnosa del mondo, la Murder I.N.C., e la voce angelica che sentite in sottofondo, quella è la nostra principessa, è l’hip hop e l’R&B di Miss Ashanti”, avverte Irv Gotti, senza troppe sottigliezze, nell’introduzione di “Happy”. E non c’è verso di vedersi presentare l’album d’esordio dell’ennesima diciannovenne carina, sexy e quant’altro, con almeno un briciolo di umiltà (e un po’ meno insolenza), perché ovunque, dai crediti riportati nel libretto accluso al disco, fino al comunicato stampa che ci rincorre come una bestia affamata da una scrivania all’altra, qualcuno sostiene fastidiosamente che “Ashanti è la principessa, è l’unica, è la migliore”. Pensare che solo pochi mesi fa si parlava di Alicia Keys, e prima di Aaliyah e, poi ancora, di Mary J. Blige. Ma la lista ormai è pressoché infinita. E forse davvero non è un caso che nella foto riportata sul retro della copertina di “Ashanti”, la cantante di Long Island, New York, faccia il verso alla brava Alicia, cappello a tesa larga sulle ventitré e sguardo distratto. Allora cosa importa se Ashanti sia davvero in buona fede, e dalla sua cameretta in periferia dove ama trascorrere i pomeriggi liberi “a guardare cartoni animati e mangiare gelato”, ce l’abbia messa tutta per realizzare “la migliore” collezione di canzoni sul pianeta, dove la sensualità del soul e dell’R&B moderno (o meglio, “urban”, come chiamano oggi il genere) vorrebbero ammaliare come gli ingredienti di un filtro magico.
Ma la verità è che questo album d’esordio è noioso. Così, forse per nascondere la pericolosa carenza di inventiva nelle melodie, ecco arrivare gli ospiti speciali (Ja Rule nel successone “Leaving (Always on time part II)”), perché nelle grandi famiglie nere che dal marcio del ghetto riescono a intravedere un po’ di luce (quella di oro e diamanti), ci si dà sempre una mano. Leggete il libro di Iceberg Slim, “The pimp” (ossia “Il pappa”), e ve ne farete un’idea. Perché affari e denaro oggi vanno d’accordo con creatività e arte, e, anzi, ne sono diventati la prerogativa principale. L’unica e la sola necessaria. Ecco dunque arrivare le consuete storielle che raccontano di “fredde giornate perché tu non ci sei” (“Foolish”) e si sprecano in infiniti e genuini ringraziamenti all’immancabile Nostro Signore Dio perché “sono così felice di aver trovato qualcuno come te” (“Happy”) o, ancora, di languidi pensieri, riflettendo su “il modo in cui baci” (“VooDoo”). Ma poi, nella vita, ci sono anche le delusioni, e succede che “non si può credere che tutto sia finito, baby” (“Over”). E via dicendo, verso le consuete, annose questioni, quelle importanti, quelle davvero pregne di significati, quelle che fanno pensare e, magari, ti cambiano anche la vita. Ma se questo, per qualche ragione, non dovesse succedere, c’è sempre il fornitissimo merchandise di Ashanti in bella esposizione nel già menzionato libretto del disco, tra i logorroici “thank yous” e il catalogo della Murder I.N.C.. In cui il solito ignoto ci ricorda, tra bandana, cappellini e poster (in cui la ragazza mette in mostra tutto ciò che possiede, oltre alla già celebrata ugola), che Ashanti è la principessa dell’hip hop e dell’R&B.

(Valeria Rusconi)

TRACKLIST

01. Intro
02. Foolish
03. Happy
04. Leaving (Always on time part II) (feat. Ja Rule)
06. Call
07. Scared (feat. Irv Gotti)
08. Rescue
09. Baby
10. VooDoo
11. Movies
13. Over
16. Dreams
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.