«QUELLO CHE NON C'E' - Afterhours» la recensione di Rockol

Afterhours - QUELLO CHE NON C'E' - la recensione

Recensione del 04 apr 2002 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Il coraggio non è mai mancato agli Afterhours. Se qualcuno avesse bisogno di un’ulteriore conferma, eccola. “Quello che non c’è”, nuovo album della band guidata da Manuel Agnelli, è un disco spiazzante e stupendo.
Spiazzante perché dopo “Non è per sempre”, dopo il live elettrico/acustico dello scorso anno era facile aspettarsi un disco di “canzoni” che proseguisse su quella strada, oppure un disco di rock elettrico. “Quello che non c’è” non è nessuna delle due cose, eppure le è entrambe.
E’ un disco elettrico, innanzitutto: l’uscita dalla band di Xabier Iriondo poteva lasciar presagire una svolta, un allontanamento da questi suoni; invece la chitarra, suonata quasi interamente da Agnelli, è ben presente nel disco. Ed è un disco di canzoni: per esempio, “La gente sta male” o la title-track sono ballate rock nell’impianto, ma ri-elaborate con soluzioni stilistiche originali e proprie solamente di uno “stile Afterhours”.
Tutto il disco, a ben vedere, è fondato su questa linea, il tentativo di riscrivere la forma della canzone rock. In alcuni casi, come “Non sono immaginario”, gli Afterhours rimangono tutto sommato vicini alla tradizione del rock anglosassone: riff semplice, ritmica sostenuta e ritornello ripetuto per un brano che, immaginiamo, sarà un piacere per la band suonare dal vivo. Ma, sulla stessa linea, “Varanasy baby” è un’altra cosa: una rock irregolare, che sembra richiamare la tensione dello Springsteen di "Nebraska", riproposta in versione elettrica (ricordate la bella cover di “State trooper”?).
In altri casi, la forma-canzone viene sviscerata, rivoltata, accompagnata da una ricerca sui suoni mai banale (che ricorda i Radiohead di “OK computer”, per certi versi). Tutto questo per svelarne le possibili molteplici facce: il fatto che diversi brani siano lunghi e dilatati, ci sembra, conferma proprio quest’idea di una ricerca sulle possibilità musicali e narrative della canzone. Una ricerca che sfocia anche in testi meno inclini al cut-up che in passato e decisamente più lineari, ma non meno cupi della musica. Il titolo del disco è perfettamente significativo, da questo punto di vista (vi rimandiamo all'intervista che pubblicheremo domani, 5 aprile, per una lunga dicussione su questi temi).
“Quello che non c’è” è quindi un tassello importante nel panorama del rock italiano. Un disco che fa apparire naturale l’accostamento di questi due termini; cosa che, ahinoi, è tutt’altro che scontata nel panorama musicale nazionale.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.