«LOVE IS HERE - Starsailor» la recensione di Rockol

Starsailor - LOVE IS HERE - la recensione

Recensione del 29 dic 2001

La recensione

Questo album si è classificato al 10° posto nella classifica dei dischi dell’anno stilata da Rockol.

I binari di un treno che attraversano il deserto e si protendono verso l’infinito, bagnati dal rosseggiare dell’alba. “L’amore è qui”, recita il titolo stampato sulla linea dell’orizzonte fotografato in copertina; quasi a voler indicare quella lunga strada che ognuno di noi, durante lo scorrere della vita, deve percorrere prima di incontrare la serenità dello spirito, o l’eterna dannazione. L’amore che se ne sta disteso in un luogo sconosciuto, mimetizzato tra mille insidie e aridi, incolti territori.
L’amore degli Starsailor è un malinconico viaggio verso l’ignoto. Quello stesso che loro, adolescenti di un piccolo paese nel nord dell’Inghilterra, hanno trovato frugando nella storia della musica. Quell’amore che li ha portati a scegliere il titolo di un disco di Tim Buckley e usarlo per presentarsi al pubblico, gettandoselo addosso quasi fosse una nuova veste. Forse gli Starsailor non vogliono essere i nuovi Tim Buckley; forse non ne hanno la stoffa; molto più probabilmente non ne hanno il carattere, burrascoso, tormentato ed eclettico. Eppure c’è qualcosa, in loro, di così languido e commuovente, che non può che ricondurci a certe figure disperate della storia del rock, gente come Tim e Jeff Buckley, o, ancora, Nick Drake. Nel momento in cui tutti i gruppi emergenti inglesi sono stati paragonati prima ai Radiohead, e poi ai Coldplay, nell’attimo in cui il tanto celebrato New Acoustic Movement, dopo aver dato vita a band come Elbow e Doves sembra dimenticato, gli Starsailor hanno deciso di chiudere gli occhi e navigare, come moderni Ulisse, nelle acque antiche della musica e del loro amore: l’amore per il folk e per il country. L’amore che ha portato Joe Walsh e la sua voce estatica, acuta e struggente, a giocare pericolosamente sulla scia del ricordo di Buckley e dell’America cantata da Neil Young, come nel dramma d’apertura del brano “Tie up my hands”, o nella psichedelia fluttuante di “Lullaby”, costruita sulla leggerezza di un piano, chitarre e organo. Quella stessa passione che, intrecciandosi con parole semplici e incisive, fa urlare nella luce satura del crepuscolo, “spazza via le ragnatele, ho bisogno di amore”.

(Valeria Rusconi)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.