«THEN COMES THE SUN - Elisa» la recensione di Rockol

Elisa - THEN COMES THE SUN - la recensione

Recensione del 27 nov 2001

La recensione

Quando ti guarda con quel volto da elfo – la definizione è quasi più adatta per lei che per Bjork – e dice che proverà, in futuro, a cantare anche in italiano, non puoi fare a meno di sorriderle e di guardarla a tua volta, pensando a uno scherzo. E hai l’impressione che quella di “Luce (tramonti ad Est)”, brano vincitore dell’ultimo Festival di Sanremo, sia stata una felice parentesi e nulla più: Elisa si trova molto (troppo?) a suo agio con l’inglese, lingua che pare le sia stata cucita addosso. E il suo essere friulana d’origine sembra un semplice accidente della storia. Non che lei non sappia sentire, comunicare, vivere in italiano: ma quando le parli ti viene in mente che sia sempre lievemente sfasata rispetto a te, a Milano, alla Sugar e a Caterina Caselli; ti viene in mente che sia con te e allo stesso tempo altrove. Altrove, ma dove? Forse proprio in California, la terra che l’ha ospitata durante le registrazioni di “Then comes the sun”.
E il titolo non c’entra niente con i Beatles che, pure, Elisa confessa di adorare. E’ solo un omaggio alla vita e alle cose belle “che arrivano sempre dopo quelle brutte”, un’iniezione d’ottimismo fatta a un mondo che ne ha più bisogno che mai, un mondo che ha la febbre come canta Elisa in “Fever”, l’unico riferimento ai mali della terra di tutto il disco. Il resto sono storie intime, personalissime, arrangiate in modo semplice eppure incisivo: le canzoni stanno al centro, la voce è in primo piano, i suoni e gli arrangiamenti (complice il “solito” Corrado Rustici) restano un po’ più sullo sfondo: come in “Fairy girl”, che ricorda le fiabe, inizia come una nenia ed è appena accompagnata dagli strumenti, e potrebbe essere un brano per voce sola.
O come in “Simplicity”, il cui titolo è già una dichiarazione d’intenti: qui è una chitarra a stare a fianco della voce. La canzone racconta di un’Elisa-farfalla, che vorrebbe saper volare per sentire da vicino il battito del cuore dell’amante; momenti intensi anche in “Rainbow”, che apre (e chiude, in acustico) il disco: “Posso piangere di fronte a te/ Perché non hai paura della mia debolezza”. Dedicata “a un’amica”, come anche il singolo, “Heaven out of hell”, un pezzo potente in cui la voce di Elisa insegue – da sola – se stessa.
Tirando le somme, è giusto affermare che in questo disco Elisa abbia fatto un’ulteriore passo verso la maturità: al punto che a 23 anni è una delle cantanti più versatili d’Italia, e una delle voci più interessanti al mondo. “Brava, veloce, dotata”, direbbe di lei un’insegnante se Elisa andasse a scuola. Cosa che ha smesso di fare molto presto, convinta com’era che il mondo dei suoni fosse molto più stimolante di quello delle lettere. Continuando, peraltro, a studiare la musica: come dimostra il cammino compiuto da “Pipes&Flowers” a “Then comes the sun” passando attraverso “Asile’s world”. Breve nel tempo, articolato e lungo nello spazio.

(Paola Maraone)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.