«MAGNIFICATION - Yes» la recensione di Rockol

Yes - MAGNIFICATION - la recensione

Recensione del 26 nov 2001 a cura di Diego Ancordi

La recensione

Gli inossidabili Yes, con trentatre anni di carriera sulle spalle, proseguono imperterriti per la loro strada senza curarsi del disinteresse da parte dei media e delle critiche di chi li accusa di risultare tediosi con la loro musica eccessivamente elaborata e anacronistica. Ma in Italia il Movimento progressive rock degli anni ’70 penetrò in profondità e ancora oggi nel nostro paese questo genere musicale conta su un proprio seguito, una nutrita schiera di gruppi (alcuni anche piuttosto bravi), le sue fanzine e i suoi festival. E da questa fazione di appassionati “Magnification” verrà sicuramente accolto con favore.
Gli Yes superstiti (Jon Anderson, Steve Howe, Chris Squire ed Alan White) mostrano ancora la voglia di osare e in “Magnification” si avvalgono dell’apporto di un’orchestra, in linea con una tendenza che si va diffondendo. Fortunatamente le orchestrazioni, effettuate dal conduttore Larry Groupé, non risultano eccessive e ognuno sta al suo posto, così che archi e band elettrica si integrino senza traumi. L’amalgama mantiene infatti un buon equilibrio, con risultati particolarmente interessanti in brani come “We agree” o “Don’t go”. Per il resto, anche in questo primo album del terzo millennio (coprodotto dal gruppo con Tim Weidner e registrato in California, ai Sound Design Studios di Santa Barbara) la proposta degli Yes si mantiene pressoché immutata, con elaborate strutture ritmico-melodiche classiche di quello stile prog che da decenni vede in loro delle vere e proprie icone.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.