«BLUEPRINT FOR A SUNRISE - Yoko Ono» la recensione di Rockol

Yoko Ono - BLUEPRINT FOR A SUNRISE - la recensione

Recensione del 26 ott 2001

La recensione

I tempi dei massacri critici per Yoko Ono sono passati da un pezzo. Finché John Lennon è rimasto in vita, sono fioccati giudizi pesantissimi, quando non offensivi. Al di là del sospetto che la sua presenza abbia accelerato la fine dei Beatles (che da solo è bastato a procurarle una solida ostilità), la sua carriera musicale ha raccolto prevalentemente sonore stroncature. Tanto per dare un’idea, il perfido Albert Goldman riferiva, nella sua celebre biografia di Lennon, di un critico che aveva paragonato la voce della Ono a quella di un ubriaco che vomita in una fogna. Probabilmente, la sua colpa maggiore era quella di essere la persona sbagliata al posto sbagliato: un’artista cresciuta nel giro dell’avanguardia piombata in una scena rock ancora fortemente legata alle sue origini di musica da teenager. Di sicuro, la Ono non pensava in termini di strofe, ritornelli e “ganci” orecchiabili. Tre decenni più tardi, dopo la new wave, il rumorismo, Laurie Anderson e altri scossoni al palazzo del rock, la sua presenza non è più così incongrua. “Blueprint for a sunrise”, con i suoi molti difetti, è un album rispettabile. Le note dolenti arrivano però quando la Ono si cala nei panni della cantante pop: un ruolo insidioso, visto che non può contare su un timbro particolarmente gradevole. Anche quando azzecca brani piacevoli come il reggae “I’m not getting enough” o “I remember everything”, il risultato lascia comunque a desiderare. Peccato, soprattutto per il secondo brano, l’unico dell’album su cui si stende l’ombra di Lennon. Le cose più interessanti arrivano quando Yoko è libera da obblighi melodici e interpreta i suoi brani in modo quasi recitativo o li punteggia con i suoi celebri strilli e lamenti, come accade nelle due parti di “I want you to remember me” e in “Wouldn’t ‘swing’”. Quando invece indugia troppo a lungo sui suoi inquietanti vocalizzi, l’impatto si smorza e il gioco diventa noioso, anche se la combinazione con i rumori chitarristici di Sean Lennon ha un suo fascino (in “Mulberry” ad esempio). In sintesi, un lavoro diseguale, con luci ed ombre. Ma conoscete altre vedove quasi settantenni capaci di fare cose del genere?

(Paolo Giovanazzi)

TRACKLIST

01. I want you to remember me A
07. It’s time for action
10. I remember everything
11. Are you looking for me?
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.