«SOLID GOLD SOUND - Fleshtones» la recensione di Rockol

Fleshtones - SOLID GOLD SOUND - la recensione

Recensione del 11 giu 2001

La recensione

L'uscita di un nuovo album dei Fleshtones è sempre una buona notizia, soprattutto perché solitamente prelude a un tour, e vedere il gruppo sul palco - ammesso che passi dalle nostre parti - è una delle poche cose che potrebbero convertire al rock 'n' roll anche il più impasticcato dei raver. Difficilmente però il quartetto di New York riesce a catturare in studio l'esuberanza dei concerti, e il fatto di incidere per etichette indipendenti con budget presumibilmente ristretti non lo aiuta. "Solid gold sound!" non sovverte la tradizione, ma è comunque divertente, anche se inferiore a "More than skin deep", l'ultimo album di materiale originale pubblicato dai Fleshtones (il precedente "Hitsburg revisited" era una raccolta di cover). Il punto dolente principale è che il front-man Peter Zaremba latita troppo spesso, lasciando ad altri (il chitarrista Keith Streng soprattutto) gli oneri della voce principale, con risultati discutibili. Aggiungiamo pure che le canzoni non sono sempre impeccabili, e una scempiaggine come "Good good crack" (una specie di scherzo vagamente disco con voci in falsetto) può anche irritare. Detto questo, va anche rimarcato che il quartetto si mostra ancora capace di divertire giocando per la milionesima volta con il canovaccio del rock 'n' roll, e è ancora capace di pezzi degni del suo passato migliore: "Hitsburg USA", "Love's in the grave", lo strumentale "Line check" (se Quentin Tarantino sta cercando le musiche per i prossimi film, qualcuno lo avverta) e "Bazooka Joe's vacation" su tutti. Insomma, lo spirito dei Fleshtones è intatto e la corona di "kings of super-rock" resta saldamente sulle loro teste. D'altra parte, sono stati loro stessi a proclamarsi sovrani di questo immaginario regno più di vent'anni fa, e non hanno nessuna intenzione di abdicare. Certo, girano sempre intorno agli stessi accordi, ma chi se ne frega: datemi un biglietto di sola andata per Hitsburg, USA.

(Paolo Giovanazzi)

TRACKLIST

01. Ten dollars more
02. Good good crack
03. Test the flash
04. Hitsburg USA
05. Daddy-O
06. Line check
07. Whatever it takes
08. Love's in the grave
09. Baja weekend
10. Sound check 2001
11. Dreaming about work
12. Bazooka Joe's vacation
13. New song
14. Solid gold sound
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.