«IL DITO E LA LUNA - Angelo Branduardi» la recensione di Rockol

Angelo Branduardi - IL DITO E LA LUNA - la recensione

Recensione del 02 giu 1998

La recensione

"Eppure non c’è niente di nuovo. Sono ancora note e parole messe insieme come mattoni a costruire canzoni come case illuminate nella notte da cui provengono suoni e voci e risate e sospiri e un senso di vita da raccontare nascosti nel buio. Ci sono il sonno e la veglia, la nostalgia di un futuro ormai quasi passato, un piede che batte il tempo, l’allegria di una fisarmonica e la malinconia di una fisarmonica, il fischio lacerante di un treno che diventa la voce struggente di una cornamusa a riportare il ricordo e a rinnovare una curiosità che il tempo non è mai riuscito a coprire di polvere". E’ quello che del disco scrive Giorgio Faletti, autore dei testi di un album che per molti versi potremmo definire il ‘solito’ album di Branduardi ultima maniera, quello che da "Si può fare" in poi sembra aver dato una sterzata maggiormente ‘moderna’ ad una musica fortemente imparentata con la tradizione celtica e con i cantastorie girovaghi del medioevo. "Il dito e la luna", metafora della capacità di vedere e della stupidità ("Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito), è un disco che si abbandona spesso alla narrazione in prima persona tipica di Faletti, piuttosto che indugiare sulle storie altrui come è nello stile proprio di Branduardi: ne viene fuori un album più personale per forza di cose, e a tratti più ‘egotico’. Per il resto, niente di nuovo. A chi piace piacerà, a chi non piace più o non è mai piaciuto resterà della sua opinione anche questa volta.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.