«MONACO - Monaco» la recensione di Rockol

Monaco - MONACO - la recensione

Recensione del 29 ott 2000

La recensione

Se qualche fan ancora non ha perdonato ai New Order di non avere proseguito sull’elettrizzante strada della depressione iniziata coi Joy Division, ora sa con chi prendersela. Peter Hook ha preso un cantante dall’impostazione vocale sorprendentemente simile a quella di Bernard Sumner e ha messo in piedi la sua versione dei New Order, ovvero i Monaco. Risultato? Gli adepti che non hanno mai elaborato il lutto per Ian Curtis storceranno il naso inorriditi di fronte a brani il cui pop elettronico trae linfa - tanto per capirci tra “iniziati” - più dalla gioiosa “All the way” che non dalla rassegnata “True faith”. Dopo questo secondo disco di Hook e Potts è possibile affermare che quando i New Order decidono di passare la giornata al sole e mettere lo zucchero nel tè (e in effetti non di rado succede), diventano qualcosa di molto simile ai Monaco. Con la scusa del side-project, Hook non si nega nulla, nemmeno armonie vocali così vicine al melenso da sembrare ironiche (vedi “Ballroom” o “Bert’s theme”), o sgangherati assoli di melodica probabilmente eseguiti indossando una felpa di “Smile”. E ogni tanto fa capolino qualche piccola invenzione che, per quanto mai del tutto nuova perché già in qualche modo appartenente al repertorio dei N.O., fa venire la tentazione di parlare di piccolo capolavoro o quantomeno di album “cult”. Anche se è difficile capire quanto possa risultare gradito agli stessi fans dei New Order un disco che, tranne rari episodi di momentaneo abbattimento come la impeccabile “End of the world”, il più delle volte usa la malinconia come trampolino per la felicità, vedi “It’s a boy”, uno dei due brani cantati da Hook insieme a “See-saw” (il brano che “pompa”). Certo, in termini di popolarità l’afflizione paga più della felicità. Ma Hook non può farci niente: il tormento dell’artista, qualunque cosa sia, gli è fatalmente estraneo. Recentemente ha ammesso: “Amo quello che faccio, e continuo a meravigliarmi di averne avuto la possibilità. Continuo a temere che qualcuno entri dalla porta e mi dica: ora basta, ti sei divertito troppo”.
(Paolo Madeddu)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.