«COVERS - Cat Power» la recensione di Rockol

Mai fermarsi, parola di Cat Power

Il ritorno di Chan Marshall con un album di cover capace di spaziare tra epoche e stili, con un animo in apparenza rasserenato, ma sempre in movimento

Recensione del 18 gen 2022 a cura di Marco Di Milia

Voto 7,5/10

La recensione

“This album is dedicated to those dedicated to the movement”, recitano un po’ enigmatiche le note di copertina. E di certo un moto di passione e di impegno non è mai mancato nelle corde di Cat Power, perfino quando c’è da catturare l’essenza più profonda di brani altrui. Una capacità messa una volta di più in evidenza in un lavoro esplicito fin dal titolo, “Covers”.

Il nuovo disco della musicista di Atlanta segue in questo modo altri due album di personali rivisitazioni, “The Covers Record” e “Jukebox”, usciti rispettivamente nel 2000 e nel 2008, con cui ha affinato la sua capacità di spaziare tra canzoni, epoche e generi musicali. Nel mettere in mostra le sfaccettature del proprio cuore inquieto Chan Marshall, alias Cat Power, si muove così zigzagando su dodici cover, alternando presente e passato in mezzo a memorie private, stati d’animo e una forza affettiva che da queste tracce emerge in maniera del tutto distinta.

Un invito al viaggio

Il disco sembra quindi proseguire un viaggio nei confini aperti del folk rock iniziato con il precedente “Wanderer”, pubblicato ormai quasi quattro anni fa e che ora si rinnova non solo tramite un canzoniere in grado di saltare liberamente tra epoche e stili, ma anche attraverso un passaporto che invita al movimento, in bella mostra nel taschino della camicia a tutto campo in copertina.

Il cammino di Chan si compone perciò dei tanti frammenti sparsi di una vita piena di saliscendi emotivi, da quelli adolescenziali di “It wasn’t god who made honky tonk angels” della cantante country Kitty Wells e a quelli ben più tribolanti rievocati da “Here comes a regular” dei Replacements. Nel mezzo, non mancano una varietà di sentimenti, espressi tanto con un omaggio all’amica Lana Del Rey in “White Mustang”, quanto con una celebrazione dei propri miti, come Iggy Pop nel blues spigoloso di “Endless sea” e Bob Seger nella sua “Against the wind”. Ancora, Chan guarda pure al passato, cercando finalmente di dare una possibilità alla speranza dopo tanto dolore vissuto in prima persona. La sua “Hate” da “The Greatest” si trasforma perciò, sedici anni più tardi, in una inedita “Unhate”, aprendo le porte a una distensione che prima sembrava del tutto irrealizzabile.

Nell’attraversare i chiaroscuri della sua anima complicata, Cat preferisce tenersi sempre su un registro pacato, che non disdegna né le atmosfere acustiche, le ritmiche jazzate e i tocchi di swing e né tantomeno di nascondere le tante tensioni vissute sulla propria pelle. Si passa quasi senza interruzioni dai toni sussurrati di “These days” di Jackson Browne - e portata al successo per la prima volta da Nico nel 1967 -, a una “I had a dream Joe” di Nick Cave in cui le suggestioni non mancano di farsi inesorabilmente più cupe, al pari delle liriche fosche di una altrettanto oscura "Pa pa power" dei Dead Man's Bones, progetto-divertissemtent dell'attore Ryan Gosling.

Questione di sfumature

Dalle ferite emotive portate allo scoperto in apertura con una “Bad Religion” di Frank Ocean trasfigurata in una sorta di supplica soft rock fino alla dolcezza del ricordo della nonna sulle note delicate e sofferte della conclusiva “I’ll be seeing You” di Billie Holiday, ciò che unisce queste tracce è l’abilità della musicista di scovarne ogni possibile sfumatura nascosta di malinconia e insieme di sensualità.

Chan Marshall riesce così in “Covers” a spingersi ancora oltre gli stili, andando a evocare, con uno spirito in ultimo apparentemente acquietato, malie, angosce, tormenti e redenzioni che sembrano mescolarsi, fino a comporre con queste rivisitazioni di vecchi e nuovi “classici” un unico grande mosaico esistenziale. Sfuggente e vulnerabile, ma anche decisamente determinato. Proprio come l’animo sempre in movimento di Cat Power.

TRACKLIST

01. Bad Religion (04:20)
02. Unhate (02:44)
03. Pa Pa Power (03:10)
04. White Mustang (03:00)
06. Against the Wind (03:13)
07. Endless Sea (03:35)
08. These Days (03:44)
09. It Wasn't God Who Made Honky Tonk Angels (02:33)
10. I Had a Dream Joe (04:39)
12. I'll Be Seeing You (03:22)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.