«SWEETBOX - Sweetbox» la recensione di Rockol

Sweetbox - SWEETBOX - la recensione

Recensione del 15 apr 1998

La recensione

Artisti immensi e piccini di ogni epoca, ogni cosa che farete potrà essere usata contro di voi. Credeva, Johann Sebastian Bach, di aver dipinto con la sua musica la Passione di Cristo; invece stava creando un campionamento per un rap, senza nemmeno essere citato come co-autore - solo un "grazie" nei credits. Complimenti per l’ardire a Tina Harris (già negli Snap) e agli Sweetbox, quelli di "Booyah - Here we go".

Eppure - lo diciamo tra fascinazione e orrore - sentire il severo gigante della musica così imbamboccito non produce disgusto. L’abbinamento tra Bach e batteria elettronica, perpetrato in ben due pezzi ("Don’t go away" e "Everything’s gonna be alright") non è sgradevole. Una prima facile spiegazione sta nel fatto che la melodia di base è arcinota e suadente, e si insinua in mente con facilità. Ma c’è di più: il rap è talmente "altro" da questa musica che pare di vedere le immagini di un film, commentate dai preludi di Bach, operazione che a nessuno suggerirebbe rigetto immediato. Staremmo per gridare alla mirabile intuizione, se gli Sweetbox non cadessero su ben altro gradino, più in basso sulla scala musicale, ma sufficiente a svelarne la bassa macelleria. Tentando di sfruttare altre reminiscenze, infatti, riprendono "If I can’t have you", scritta dai Bee Gees per "Saturday Night Fever". E’ fatta così male che viene il sospetto che gli Sweetbox detestino i fratelli Gibb. Per non parlare di altre appropriazioni indebite (come "Brazil") o imitazioni delle cose più inutili di Prince ("Candygirl"). Una volta per queste cose si usava la parola "commerciale". Ma forse è poco: meglio dire "ipermercato". Di fianco ai detersivi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.