Il padre del suo figlio adottivo attacca Madonna

Il padre del suo figlio adottivo attacca Madonna
Dopo aver difeso Madonna dalle accuse lanciate dalle organizzazioni umanitarie per la veloce adozione di David Banda, il padre del piccolo ha attaccato la popstar. “Mi hanno ingannato, non volevo darlo via”, ha spiegato Yohane Banda. “Quello che abbiamo concordato con Madonna è che lei si occuperà di mio figlio fin quando avrà finito la scuola, sarà diventato indipendente e tornerà a casa da noi”. Il signor Banda sostiene di essere stato ingannato anche dai responsabili governativi del suo paese che gli hanno fatto firmare dei documenti che lui non capiva, perché analfabeta, assicurandogli però che l’accordo prevedeva solo un affido temporaneo. (Fonti: Quotidiano Nazionale, La Repubblica, Corriere della Sera)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.