In questo 2022 sogno un nuovo disco dei Verdena

Il 13 gennaio esce il film "America Latina" con le musiche curate dal gruppo bergamasco. Un segnale di ritorno sulle scene dopo quasi sette anni.
In questo 2022 sogno un nuovo disco dei Verdena

C’è chi ormai in preda al delirio pensa che l’attesa del nuovo disco dei Verdena sia essa stessa il nuovo disco dei Verdena. È un po’ come essere candidamente intrappolati in “Nuova luce”, uno dei pezzi più significativi di “Wow”, il progetto più beatlesiano del trio bergamasco uscito oltre dieci anni fa. Un disco pubblicato dopo la violenza esorcizzante e a tratti oscura di “Requiem”, quello che per me rimane il capolavoro dei Verdena. Alberto Ferrari, voce della band, in “Nuova luce”, brano delicato e allo stesso tempo potente come un fiume carsico, canta: “L'amore in un attimo come in un sogno arriverà correndo fra gli alberi in questa notte buia. Non durerà”. Alle poesie psichedeliche dei Verdena, i fan lo sanno bene, il significato lo regala sempre l’ascoltatore: in questo caso le emozioni arrivano a scandagliare la vita, a scuoterla, a trafiggere il buio con raggi di sole, ma il rischio è che non durino.

Quando nell’aprile del 2020, Alberto sotto l’egida di #StayON, sulla pagina Facebook della Latteria Molloy, è stato protagonista di un live set acustico a sostegno delle attività anti Covid che Emergency svolgeva nei territori feriti di Bergamo e Brescia, quelle emozioni sono arrivate come acqua calda sulla pelle dopo un rigido inverno. Alberto, proprio a Rockol, parlava di un nuovo disco con canzoni “figlie di questi giorni terribili” e chi, da “Endkadenz Vol. 2” del 2015, stava aspettando un nuovo progetto, si è acceso improvvisamente come una lampadina. Ma di tempo ne è passato ancora e ancora, senza l’avvistamento di fumate bianche dal loro studio di registrazione-pollaio, il mitico Henhouse dove tutti li immaginiamo a provare e riprovare, a comporre e ricomporre all’infinito come in un loop in cui il tempo sembra essersi fermato.

Aggiornamenti e news? Zero. Sui social Alberto, il fratello batterista Luca e la bassista Roberta Sammarelli sono vampiri in chiesa. E questo, in un mondo in cui “esserci sempre” è diventato un nuovo comandamento, contribuisce ad alimentarne il mito. Imprevedibili, naif, fuori dai circuiti patinati della musica, i Verdena ogni volta che rimettono piede sulla terra creano una scossa. A volte si concedono degli strappi alla regola ed escono dal silenzio come quando Manuel Agnelli chiese ad Alberto di suonare sul palco di X Factor nel dicembre del 2020 insieme ai Little Piece Of Marmelade. Rivedere quell’incredibile spiritello del rock tornare a una dimensione live generò un effetto simile a quello che Tom Hanks, in “Cast Away”, ha suscitato in Helen Hunt al suo ritorno dall’isola. Luca in questi anni lo abbiamo visto nei Dunk, mentre Alberto negli I hate my village. Progetti interessantissimi e godibili, ma la domanda, al limite dell’ossessivo, era sempre quella: e i Verdena?.

Poi ecco battere un colpo nel febbraio del 2021. C’è vita. Nel corso di una video-intervista, riassunta nel video diffuso dalla pagina fan “L’elefante blu dei Verdena”, Roberta Sammarelli ha svelato qualche dettaglio in merito al nuovo album della band e quanto il lockdown lo abbia modificato: “Eravamo appena tornati al lavoro in studio ad Albino e stavamo scrivendo musica, poi c’è stato questo blocco. Quando ci stavano per mettere in zona rossa ci chiedevamo: ‘Se poi veniamo alle prove e ci fanno zona rossa, possiamo tornare a casa?’. Quindi la nostra preoccupazione era: ‘Sì, veniamo in studio, ma poi?’. Quindi siamo stati fermi fino a maggio, quando abbiamo ripreso il nostro lavoro. Maggio è stato un mese super-creativo per noi. In tutti i mesi che siamo stati chiusi in casa nessuno di noi aveva fatto nulla a livello musicale. Alla fine abbiamo scritto sei-sette brani nuovi da aggiungere a quelli che avevamo già composto negli anni precedenti, quindi il prossimo disco sarà ancora più difficile da chiudere perché si sono aggiunti questi nuovi brani del 2020…però non dovremmo esser lontani”.

Qualche aggiornamento c’è stato, ma niente, anche stavolta nessuna data di uscita. Quando ogni speranza sembrava sfumata e i vecchi dischi andavano in fiamme da quanto ormai erano stati consumati, ecco un nuovo effetto speciale: dai social della band, che si aggiornano ogni morte di Papa, arriva finalmente una notizia. Il trio ha realizzato la colonna sonora del film “America Latina” dei fratelli D'Innocenzo, in uscita il 13 gennaio. Giorno subito cerchiato in rosso sul calendario. Non sappiamo se le canzoni faranno parte del nuovo disco o saranno qualche cosa di a sé stante. Una cosa è certa: è una “Nuova luce”. Ma questa volta deve durare. In questo 2022 sogno, sogniamo un disco dei Verdena.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.