Rockol Awards 2021 - Vota!

Francesco Guccini: "Dicono che ai concerti avevo un fiasco di Lambrusco, ma è un falso"

Il musicista emiliano il mese scorso ha pubblicato il romanzo 'Tre cene'
Francesco Guccini: "Dicono che ai concerti avevo un fiasco di Lambrusco, ma è un falso"

Francesco Guccini lo scorso fine settimana è stato ospite della rassegna letteraria Scrittorincittà al Teatro Toselli di Cuneo per presentare il suo ultimo libro “Tre Cene”. Ma non solo di letteratura l'81enne artista di Pavana ha parlato con il moderatore dell'incontro Matteo Corradini, come riportato da Samuele Mattio per cuneodice.it.

A spostare il focus dell'incontro dal romanzo alla musica ha pensato un contributo video di Ligabue - che Guccini ha definito “un amico” - nel quale gli ha chiesto se fosse vero che la canzone “L'avvelenata” inserita nell’album “Via Paolo Fabbri 43” del 1976, abbia avuto un maggiore successo di quel che avrebbe meritato. Pronta la risposta di Guccini: “Ritengo di aver scritto brani molto più belli”. Due su tutti? “”Scirocco” e “Van Loon”” (entrambi inclusi nell'album del 1987, “Madame Bovary”).

Guccini ha dedicato poi una battuta alla bottiglia di vino che spesso lo accompagnava in concerto sul palco: “Tutti dicono che ai concerti avevo un fiasco di Lambrusco, ma è un falso. Si trattava di una bottiglia di rosè. Lo bevevo per evitare cali di voce, ma senza esagerare: un concerto richiede molta lucidità”.

Altro tema che inevitabilmente si va a toccare parlando con Francesco Guccini è quello dell'osteria. Alla domanda su quante canzoni siano nate a cena, il musicista nato a Modena ha risposto: “Neanche una. A cena si mangia”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.