Rockol Awards 2021 - Vota!

Tremate, schifosi: Richard Benson è tornato

Niente giacche di pelle, niente bastoni infernali. A cinque anni dal video shock che nel 2016 allarmò non poco i fan, riecco il grande Richard Benson. Con una canzone dedicata alla mitica Ester.
Tremate, schifosi: Richard Benson è tornato

Lontani i tempi dei suoi leggendari show nei locali dell'underground capitolino, i palchi che puntualmente a fine concerto erano non lerci, di più, con farina sparsa ovunque (pure addosso agli amplificatori), uova, pesci morti e naturalmente polli, e poi quelle urla infernali: "Ultimi", "Schifosi", "Vi dovete spaventare". Tutto testimoniato da video su YouTube che oggi sono cult tra i suoi seguaci. Un video shock, nel 2016, allarmò non poco i fan: il musicista chiedeva aiuto, raccontando di essere affetto da problemi cardiocircolatori e di trovarsi in condizioni economiche precarie. A distanza di cinque anni da quelle confessioni, dopo un silenzio più o meno lungo, Richard Benson torna. E lo fa con nuova musica.

Già lo scorso marzo l'ex virtuoso di "Jukebox all'idrogeno" - il finto programma di approfondimento musicale che Verdone gli fece condurre nel suo "Maledetto il giorno che t'ho incontrato", riprendendo le celebri trasmissioni di Benson sulle reti televisive laziali - aveva sorpreso i fan con un nuovo brano, "Nel respiro del vento" ("Mi piacciono i chitarristi mostruosi, come Paul Gilbert e Michael Angelo, ma mi piacciono anche le ballate"), seguito da "Nona nota", una sorta di reboot dei suoi celebri show su Rete Oro e TeleVita. Evidentemente, Richard c'ha preso gusto. 

Il musicista ha ora pubblicato una nuova canzone, intitolata "Processione": l'ha pubblicata proprio su YouTube. Nel video,  appare in condizioni tutto sommato buone: niente giacche di pelle, come ai tempi d'oro, e il bastone infernale non si sa che fine abbia fatto. Ma Benson non rinuncia alla parrucca corvina e agli occhiali da sole. Suona il brano in un giardino, ripreso da qualcuno con un cellulare. E a proposito del pezzo, dedicato alla moglie Ester Esposito, racconta:

Mi ricorda un po' i tempi in cui stavo con gruppi famosi come Le Orme, i Camaleonti, il Rovescio della Medaglia, il Buon Vecchio Charlie, le mie collaborazioni con la Pfm, i New Trolls, gli Area, gli Osanna, il Balletto di Bronzo. C'è qualcosa degli Anni '70. La prima parte è composta da tutti accordi discendenti che mi sono inventato io, la seconda parte è un piccolo inciso con rivolti di accordi, la terza è composta da accordi ascendenti, che salgono, ed è strumentale. Vorrei dedicare questo pezzo a mia moglie Ester.

L'ultimo album di inediti di Richard Benson è "L'inferno dei vivi": uscì sei anni fa, nel 2015, prodotto da Federico e Francesco Zampaglione dei Tiromancino, che lo definirono "un'opera rock che mescola metal, horror, rock parodistico e delirio". Se non lo avete ancora ascoltato, recuperatelo: ne vale la pena. Lunga vita a Richard Benson.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.