Rockol Awards 2021 - Vota!

Massimo Cotto: pagine scelte da "Rock is the answer" (7)

Anticipazioni dal nuovo libro in uscita in questi giorni: David Byrne, Patti Smith, Marianne Faithfull
Massimo Cotto: pagine scelte da "Rock is the answer" (7)

È proprio vero che i rocker sono solo cattivi maestri, guide di perdizione e dolore? Con il suo nuovo libro, in uscita il 14 ottobre, Massimo Cotto compone un "breviario rock" in forma di prontuario filosofico: suggestioni e pillole di saggezza da oltre 150 musicisti di ogni generazione e per ogni gusto.
Per gentile concessione dell'editore Marsilio, anticipiamo qui un florilegio di contenuti selezionati dall'autore.


Ginsberg, Kerouac, Gregory Corso… Devo essere sincero: li ho scoperti da poco, dopo che hanno ristampato le loro opere che erano finite fuori catalogo. Sì, il mio stile non ha nulla in comune con il loro e non so se posso dire che sono stati un’ispirazione, visto che, quando ero ragazzo, li conoscevo poco e male. Però ho notato che credevano in qualcosa di bello e, nonostante il tempo e la polvere, posso affermare che quel sentimento di romantico e forse ingenuo idealismo ha fatto bene all’America. Mi attrae, della beat generation, il senso d’esuberanza, di gioia, di apprezzamento per la nuova realtà americana che si andava allora formando. Cercavano qualcosa in cui credere e l’avevano trovato. Non avevano trovato l’America, ma una sua rappresentazione. È comunque un risultato. Ho inserito Angels in un album molto crudo, che il mio amico Jonathan Demme ha definito “pieno di sesso, nudità, paura, fuga, violenza, amore andato a male e morte”. Credo di averlo fatto per ristabilire un po’ di equilibrio.
David Byrne

Fino a quando non capiremo che non possiamo avanzare diritti sul territorio degli altri, le guerre non finiranno mai e gli artisti saranno sempre più frustrati.

L’unico diritto che abbiamo sulla terra è quello di esserci seppelliti dentro. L’artista può solo lavorare. È questa la lezione che mi hanno insegnato Ginsberg, Burroughs, Mapplethorpe. Ginsberg era un “folle ottimista realista”, anche se i termini sembrano litigare fra loro. Scriveva tantissimo ma trovava sempre il tempo per essere in prima linea in tutte le battaglie politiche del suo tempo, dall’invasione del Tibet da parte dei cinesi alla lotta per la salvaguardia dell’ambiente e del pianeta. Anche Burroughs aveva questa visione molto etica del lavoro di artista. Molti pensano che artista sia quella persona che si sveglia la mattina, apre la finestra, sente il canto degli uccelli e compone un verso o una canzone. Sbagliato. Burroughs, che credeva nelle visioni e nell’arte a tutto tondo, chiamava la scrittura “the job”, perché la creatività non andava mai disgiunta dalla fatica. Scriveva ogni giorno, lavorava sodo. Come Mapplethorpe, del resto. Robert era un grandissimo. Lavorava in modo febbrile.
Patti Smith

Conobbi Allen Ginsberg molto tempo fa, negli anni Sessanta. Gli piacevo e una sera mi portò anche fuori, a vedere un concerto di Bob Dylan alla Albert Hall, quando la Band lo raggiunse sul palco a metà show. Qualche anno fa mi invitò a tenere questi seminari in una scuola buddista del Colorado, il Napopa Institute. Fu un esperimento riuscito a cui aggiungemmo, l’anno successivo, una breve performance; il terzo anno si unirono a me Hal Willner e mio marito, lo scrittore italoamericano Giorgio Dellaterza. Lo scopo era spingere i ragazzi a comporre, a scrivere canzoni.
Sono entrata a contatto con un certo modo immediato di fare poesia e mi sono resa conto dei risultati straordinari che si potevano ottenere con poco o niente. Io non sono una poetessa né mai lo sarò, ma volevo cercare di salvare quello spazio che esiste nella poesia, rimanere nuda davanti alla gente per arrivare dritta al cuore. 
Marianne Faithfull

Questi testi sono tratti da "Rock is the answer" di Massimo Cotto (Marsilio Editore)

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/_WN7wNE13ix7B4KfJuVfsHGWElc=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/libro-cotto.jpg
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.