ABBA, la reunion: ora due canzoni nuove, a novembre un album e uno show a Londra nel 2022

Il gruppo svedese ha svelato il progetto "Voyage", che segna il ritorno della band dopo quasi 40 anni. Nella prossima primavera un concerto misto tra live e digitale in un'arena costruita appositamente: tutti i dettagli
ABBA, la reunion: ora due canzoni nuove, a novembre un album e uno show a Londra nel 2022
Credits: Bailli Walsh

Sono tornati davvero: dopo quasi 40 anni Agnetha Faltskog, Anna-Frid Lyngstad, Bjorn Ulvaeus e Benny Andersson si sono ritrovati in studio e hanno inciso nuova musica per il progetto "Voyage", che prevede un album in uscita a novembre e uno spettacolo che unisce digitale e live e che debutterà la prossima primavera a Londra, in un palazzetto costruito appositamente.

Il progetto è stato annunciato con una diretta su YouTube, seguita da oltre 230mila persone, da Stoccolma e Londra con collegamenti da varie parti del mondo, con contributi di vari fan (compresa Kilye Minogue). Nel corso della diretta sono state presentate due nuove canzoni. A Londra erano presenti Bjorn Ulvaeus e Benny Andersson, mentre Agneta e Anna-Frid si sono viste nei video ma erano assenti dalla diretta.

I due nuove brani sono "I Still Have Faith In You”  e “Don’t Shut Me Down”: è la prima musica inedita dai primi anni '80. La prima è una ballata dichiaratamente scritta pensando alla storia del gruppo e riflettendo sulle emozioni dei membri. La seconda è una canzone più veloce che ricorda nel ritmo "Dancing queen". Nella presentazione ironica del brano del duo, "Parla di un avatar che vuole continuare a cantare e  chiede di non essere spento",

Il 5 novembre seguirà il nuovo album "Voyage", registrato dai 4 insieme allo studio di Benny, Riksmixningsverket, a Stoccolma. Conterrà 10 canzoni, e questa è la tracklist: " I Still Have Faith In You", "When You Danced With Me", "Little Things", "Don't Shut Me Down", "Just A Notion", "I Can Be That Woman", "Keep An Eye On Dan", "Bumblebee", "No Doubt About It" e "Ode To Freedom".

L'album uscirà per Universal: "C'è un vecchio detto nell'industria musicale: non far passare mai più di 40 anni tra un album e l’altro”, hanno scherzato durante la presentazione. L'ultimo lavoro di studio del gruppo “The Visitors” del 1981, a cui seguirono solo raccolte. La band si sciolse (senza annunci pubblici) tra la fine del 1982 e il 1983.

Ma Abba Voyage è appunto soprattutto uno show in cui digitale e live si fondono, che è stato presentato da Bjorn & Benny. È stato spiegato come i quattro membri, con un lungo e complesso lavoro, sono stati digitalizzati con oltre 160 telecamere e con il capture motion, quindi trasformati in ologrammi che li riproducono sul palco come erano nel 1979, al tempo di "Voulez-Vous". Al progetto hanno lavorato oltre 500 persone per diversi anni.

Le versioni digitali e ringiovanite degli ABBA si esibiranno con una band di 10 elementi dal vivo, a partire dal 27 maggio 2022. Il progetto è talmente grande che è stata appositamente costruita la Abba Arena, a Londra: è già possibile pre-registrarsi per acquistare I biglietti su abbavoyage.com, il sito recentemente inaugurato, mentre i biglietti saranno in vendita da martedì 7 settembre. Lo show sarà soprattutto un greatest hits: in scaletta 22 canzoni, per un'ora e mezza (ma saranno inclusi anche alcuni dei brani nuovi). ecco i 4 ABBA digitalizzati.

I 4 dichiarano nel comunicato:

Grazie per averci aspettato: è ora che inizi un nuovo viaggio. Lo chiameremo semplicemente Voyage, stiamo davvero salpando per acque inesplorate. Con l’aiuto di noi stessi da giovani, viaggeremo nel futuro.  Non è facile da spiegare, ma appunto, è qualcosa che non è mai stato fatto prima.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/cdQ4Noru4fNNqkgAy9KitVCe7M8=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/05-voyage-album-cover.jpg

Lo spettacolo è prodotto da Svana Gisla (David Bowie Blackstar/Lazarus, Beyoncé and Jay Z for HBO, Springsteen and I) e Ludvig Andersson (And Then We Danced, Yung Lean - “In My Head”, Mamma Mia! Here We Go Again), con la regia di regista Baillie Walsh (Flashbacks of a Fool, Being James Bond, Springsteen and I), e le coreografie di  il coreografo Wayne McGregor CBE (The Royal Ballet, Company Wayne McGregor, Paris Opera Ballet). Il co-produttore esecutivo è Johan Renck (Spaceman, David Bowie Blackstar/Lazarus, Chernobyl).

Qua si può rivedere la presentazione:

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.