Eurovision 2022, nei prossimi giorni l'annuncio della città ospitante

Attesa per la comunicazione, che non dovrebbe arrivare entro la fine di agosto, cioè oggi, ma solo nei prossimi giorni, se non la prossima settimana. Ecco cosa sappiamo finora.
Eurovision 2022, nei prossimi giorni l'annuncio della città ospitante

Milano, Torino, Bologna, Rimini o Pesaro? Bisognerà attendere ancora qualche giorno per sapere quale sarà la città italiana dove si svolgerà Eurovision 2022. Contrariamente a quanto inizialmente ipotizzato (e a quanto riportato da alcune testate negli ultimi giorni), l'annuncio non verrà fatto entro la fine di agosto, cioè entro la serata di oggi, 31 agosto. Secondo quanto risulta a Rockol, si parla dei primi di settembre - cioè nei prossimi giorni - se non inizio della prossima settimana.

Il processo di selezione

Il processo di selezione della città ospitante dura da 8 settimane: il bando di Rai ed European Broadcasting Union è stato diffuso lo scorso 7 luglio, poche settimane dopo la vittoria dei Maneskin. Nel giro di 10 giorni avevano risposto 17 città: le candidate naturali, più alcune candidature suggestive (Sanremo) e altre improbabili come Palazzolo Acreide, Acireale e Alessandria. Ai primi di agosto erano state ridotte a 11, poi nei giorni scorsi a 5: a quest'ultimo giro aveva fatto rumore l'esclusione di Roma, che però era parsa fin da subito inadatta a ospitare la manifestazione, non avendo una struttura che soddisfacesse le caratteristiche richieste.

Voci o wishful thinking?

Nei giorni scorsi si sono accavallate voci sui favoriti: Rimini sarebbe emersa come outsider-sorpresa assieme a Milano, secondo quanto riportato dal Fatto Quotidiano. A Rockol risulta che Torino sia sempre in buona posizione, soprattutto per via del PalaIsozaki, l'unico palazzetto italiano con le caratteristiche richieste (tanto che diverse città hanno proposto sedi alternative come il Palazzo delle Scintille a Milano o un padiglione della Fiera a Bologna). Secondo TV Blog sarebbe invece Bologna la favorita: la città ha finora fatto la campagna di comunicazione più entusiasta (provando così a compensare la difficoltà di collegamenti tra il centro città e la Unipol Arena e l'assenza di un centro di produzione RAI, che invece hanno Milano e Torino) Sembrerebbe più defilata la posizione di

Pesaro, che era emersa a sorpresa come nome possibile fin da maggio, a completare la cinquina finale.

Il dato complessivo che emerge è che, allo stato attuale, c'è grande incertezza su chi la spunterà: come giustamente notava Eurofestival News, informato sito italiano che da molti anni si dedica alla manifestazione, queste ipotesi sono allo stato attuale più scommesse e wishful thinking che scoop veri e propri

Bisogna allora attendere qualche giorno per l'annuncio ufficiale: la scelta sarà fatta dalla Rai in coordinamento con European Broadcasting Union.

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.