Come David Gilmour scoprì il talento di Kate Bush

Il chitarrista dei Pink Floyd è stato il mentore della cantautrice britannica. Una bella storia di scouting.
Come David Gilmour scoprì il talento di Kate Bush

Kate Bush è risaputo essere una artista molto riservata e poco incline ad esibirsi dal vivo, quindi fu una vera sorpresa quando, nel 2002, si unì, sul palco, al chitarrista dei Pink Floyd David Gilmour per interpretare la celeberrima "Comfortably Numb", canzone inclusa nell'album della band inglese pubblicato nel 1979, “The Wall”.

Dal 16 al 18 gennaio del 2002 David Gilmour si esibì in tre concerti consecutivi alla Royal Festival Hall di Londra, una sala da concerti da poco di 3.000 posti a sedere. In ognuna di queste serate ospitò sul palco un collega per duettare con lui sulle note di "Comfortably Numb". La prima sera, quella del 16, si unì a lui l'ex Soft Machine Robert Wyatt, per il secondo spettacolo fu il turno del frontman dei Boomtown Rats Bob Geldof e, infine, per il concerto del 18 gennaio, duettò con Kate Bush.

La carriera di Kate Bush è legata a filo doppio alla figura di Gilmour che lo si può considerare come il suo mentore dato che la scoprì quando, lei sedicenne, iniziava a comporre le sue prime cose. All'epoca, si era alla metà degli anni Settanta, il chitarrista britannico stava lavorando all'album dei Pink Floyd “Wish You Were Here”, quando venne in possesso di un nastro con oltre cinquanta canzoni della cantautrice inglese, che nella giornata di oggi compie 63 anni.

In una intervista rilasciata qualche anno fa alla BBC Gilmour ha ricordato cosa accadde: "Venni incuriosito da quella strana voce. Andai a casa sua, nel Kent, e incontrai i suoi genitori. E mi fece ascoltare, cavolo, dovevano essere state 40 o 50 canzoni su nastro. Pensai, devo provare a fare qualcosa.”

Continua ancora il suo racconto il componente dei Pink Floyd: "C'era della gente della casa discografica (la EMI, ndr) al numero 3 di Abbey Road. Dissi loro: 'Volete sentire qualcosa?' Loro dissero, 'sicuro', quindi, trovata un'altra stanza, gli feci sentire “The Man with a Child in his Eyes” (brano poi incluso nell'album d'esordio di Kate Bush, pubblicato nel 1978, “The Kick Inside”, ndr). Loro dissero: 'Grazie, la prenderemo'. È assolutamente fantastico, vero? È lei che canta all'età di 16 anni e che ha scritto quei testi straordinari."

A seguire potete vedere un video – purtroppo di non ottima qualità – della loro esibizione alla Royal Festival Hall il 18 gennaio 2002.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.