La passione di Eddie Vedder per i Ramones

Il frontman dei Pearl Jam era un grande fan della band newyorkese e per loro...
La passione di Eddie Vedder per i Ramones

La passione, il talento, la fortuna e molti altri ingredienti possono fare sì che un ragazzo innamorato della musica, crescendo, diventi una rockstar. Ogni rockstar prima di diventare tale ha avuto, proprio come tutti noi, degli eroi musicali ai quali ispirarsi. Non tutte le rockstar però, una volta acquisito quello status, hanno avuto la ventura di esibirsi sul palco insieme ai propri eroi. Ma non solo. Non tutte le rockstar hanno avuto la possibilità di esibirsi sul palco con i propri eroi e interpretare insieme a loro l'ultima canzone del loro ultimo concerto.

Il ragazzo pieno di passione che sognava di diventare una rockstar si chiama Edward Louis Severson. E' nato il 23 dicembre 1964 a Evanston, nei sobborghi di Chicago. Una decina di anni più tardi tormentate vicende famigliari lo porteranno a spostare la sua residenza a San Diego, in California. Qualche anno dopo ancora assumerà legalmente il cognome della madre, Vedder. Gli eroi di questa vicenda sono quattro ragazzi che formano una band nella New York della metà degli anni Settanta, più o meno nel periodo in cui Eddie si traferisce a San Diego. I quattro si presentano sul palco in uniforme: jeans stracciati, scarpe da tennis, un taglio di capelli molto simile, maglietta e giubbotto di pelle nera. Di cognome fanno tutti Ramone, sono i Ramones. A proposito, tra loro non hanno alcun legame di parentela. La loro prima canzone si chiama "Judy is a Punk".

Un brano manifesto che contiene il termine punk, il movimento a cui verranno associati di lì in avanti. Nel 1976 esce il loro omonimo album d'esordio Musica essenziale quella dei Ramones, magari grezza e scalcinata, ma che non si era mai sentita prima.

Era un qualcosa che dava un bel colpo alle parti basse del rock decadente di quel periodo potandone i rami secchi per farlo rinascere con nuova energia. Un destino simile era scritto anche nel futuro di Eddie. Eddie che nel 1990 faceva il benzinaio a San Diego e militava nei Bad Radio. Su al nord, a Seattle, tre ragazzi – Stone Gossard, Mike McCready e Jeff Ament – erano alla ricerca di un cantante e di un batterista per formare una band. Jack Irons, già seduti dietro i tamburi dei Red Hot Chili Peppers, inviò una cassetta al suo amico Eddie chiedendogli se poteva essere interessato a quella esperienza. Eddie fece i bagagli e salì su al nord portando in valigia i testi di quelle che poi diventeranno "Alive", "Once" e "Footsteps". Nell'agosto del 1991 i Pearl Jam, questo il nome del gruppo formatosi a Seattle, pubblicarono "Ten", il loro primo disco. Quel disco contribuì alla affermazione del movimento grunge che, come accaduto una quindicina di anni prima con il punk, innervò nuova energia e nuove idee nella musica rock.

Ancora qualche anno e, precisamente nell'agosto del 1996, Eddie e i Pearl Jam si sono trasformati in tutto e per tutto in rockstar, dopo "Ten" hanno pubblicato altri due album, "Vs." e "Vitalogy". Alla fine di quel mese avrebbero pubblicato il loro quarto disco, "No Code" I Ramones, invece, nell'agosto del 1996, avevano al loro attivo più di venti anni di carriera, una dozzina di album e oltre duemila concerti.

L'anno precedente era uscito "Adios Amigos!", un album dal titolo profetico. Quando uscì dissero che avrebbero chiuso i battenti se il disco non avesse ricevuto adeguata accoglienza. Il disco non riuscì a farsi spazio in classifica e loro mantennero la parola. Prima di chiudere definitivamente bottega organizzarono un tour d'addio. Quell'ultimo ciclo di concerti si concluse il 6 agosto 1996 al Palace di Hollywood. Come commentò il bassista C.J. Ramone, quello fu: "Un vero pugno nello stomaco per New York".

All'ultimo concerto dei Ramones a Los Angeles parteciparono alcuni colleghi: il frontman dei Motorhead Lemmy Kilmister, l'oggi scomparso cantante dei Soundgarden e degli Audioslave Chris Cornell, l'ex bassista dei Soundgarden Ben Sheperd, Tim Armstrong e Lars Frederiksen dei Rancid. Il live si chiuse con la cover dei Dave Clark Five "Anyway You Want It", con loro sul palco Eddie Vedder a rendere omaggio nell'ultima canzone dal vivo mai suonata dai Ramones ai suoi eroi musicali di quando sognava di diventare un musicista. Lo scegliere da parte dei Ramones di chiudere la loro carriera con una cover degli anni Sessanta è forse la cosa più punk che avrebbero potuto fare.

Dopo avere avuto l'onore di chiudere l'ultimo set della carriera della band newyorkese, Eddie Vedder ebbe un altro grande onore. Fu lui infatti a tenere l'appassionato discorso di presentazione e a introdurre i Ramones nella Rock and Roll Hall of Fame, il 18 marzo 2002.

Il destino non ha avuto un grande occhio di riguardo nei confronti dei quattro membri originari dei Ramones. Joey Ramone, il cantante, è morto nel 2001 all'età di 49 anni a causa di un tumore al sistema linfatico. Il bassista Dee Dee è morto nel 2002 all'età di 50 anni per overdose da eroina. Johnny, il chitarrista, è morto all'età di 55 anni a causa di un cancro alla prostata. Il batterista Tommy Ramone è morto all'età di 62 anni a causa di un cancro alle vie biliari. Eddie Vedder oggi compie 56 anni, lui e la sua band godono di ottima salute, lo scorsa primavera hanno pubblicato l'album "Gigaton".

Questa la setlist dell'ultimo concerto dei Ramones a Los Angeles:

Durango 95

Teenage Lobotomy

Psycho Therapy

Blitzkrieg Bop

Do You Remember Rock 'n' Roll Radio?

I Believe in Miracles

Gimme Gimme Shock Treatment

Rock'n'Roll High School

I Wanna Be Sedated

Spider-Man

The KKK Took My Baby Away

I Just Want to Have Something to Do

Commando

Sheena Is a Punk Rocker

Rockaway Beach

Pet Sematary

The Crusher

Love Kills

Do You Wanna Dance?

Somebody Put Something in My Drink

I Don't Want You

Wart Hog

Cretin Hop

R.A.M.O.N.E.S. (con Lemmy Kilmister)

Today Your Love, Tomorrow the World

Pinhead

Encore:

53rd & 3rd (con Lars Frederiksen e Tim Armstrong)

Listen to My Heart

We're a Happy Family

Encore 2:

Chinese Rocks (con Ben Shepherd e Chris Cornell)

Beat on the Brat

Anyway You Want It (con Eddie Vedder)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.