Rockol Awards 2021 - Vota!

John Lennon, le nove canzoni firmate con Yoko Ono

Coppia nella vita e anche coppia autorale: ecco i brani a doppia firma di John e Yoko
John Lennon, le nove canzoni firmate con Yoko Ono

Ribadiamolo ancora una volta: il primo incontro “ufficiale” fra John Lennon e Yoko Ono avvenne – nella galleria d’arte Indica di Mason’s Yard, a Londra – non il 9 novembre, come Lennon poi sostenne per far rientrare anche questo evento nel suo schema numerologico legato alla cifra 9, ma il 7 novembre, come ha testimoniato indubitabilmente Miles, il contitolare della galleria e della libreria dallo stesso nome.

L’incontro avvenne alla vigilia dell’inaugurazione della mostra “Unfinished paintings”, che aprì l’8 novembre, come certifica il volantino della galleria. Ciò stabilito, rimane il fatto che l’incontro fra John e Yoko è stato foriero di importanti conseguenze. Una delle quali, non la principale, è che i due hanno anche cominciato a scrivere e cantare canzoni insieme. Escludendo da questa lista i brani contenuti negli sperimentali (e piuttosto inascoltabili) album “Two virgins”, “Life with the Lions” e “Wedding Album”, e le jam di "Some time in New York City" ("Jam rag" ,"Au" e "Scumbag"), le nove canzoni firmate insieme da John e Yoko sono quelle che vi facciamo ascoltare di seguito - in effetti sono dieci, perché a "Imagine" la firma di Yoko Ono è stata aggiunta ufficialmente nel 2017.

(ha collaborato Luca Perasi, autore di "I Beatles dpo i Beatles")

John Lennon, 40 anni dalla morte: leggi tutti gli articoli

Imagine (dall'album “Imagine”, 1971; la firma di Yoko Ono è stata aggiunta ufficialmente nel 2017) 

 

Oh My Love (dall’album “Imagine”, 1971)

 

Happy Xmas (War is over) (singolo, 1972)

 

Woman is the nigger of the world (dall’album “Some time in New York City”, 1972)

 

The Luck of the Irish (dall’album “Some time in New York City”, 1972)

 

Attica State (dall’album “Some time in New York City”, 1972)

 

Angela (dall’album “Some time in New York City”, 1972)

 

Sunday Bloody Sunday (dall’album “Some time in New York City”, 1972)

 

Elastic Oz Band, God save us (1971)

 

Elastic Oz Band, Do the Oz (1971)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.