E ora i BTS e il K-pop fanno seriamente tremare le major

La società che ha portato al successo la band sudcoreana potrebbe rappresentare un bel problema per le multinazionali della discografia: ecco perché.

E ora i BTS e il K-pop fanno seriamente tremare le major

I numeri, intanto. Quelli dei BTS sono notoriamente clamorosi. Nel 2019 la formazione simbolo del K-pop a livello di vendita di biglietti per i concerti ha incassato più di chiunque altro: 196 milioni di dollari - 166 milioni di euro - per 42 concerti, superando persino i Rolling Stones. Secondo i dati di IFPI, l'organizzazione che rappresenta l'industria discografica nel mondo, i sette ragazzi sudcoreani sono stati tra i dieci artisti che hanno venduto più dischi a livello mondiale, dietro a giganti del pop e del rock internazionale come Taylor Swift, Ed Sheeran, Post Malone, Billie Eilish, i Queen e Ariana Grande, e davanti i Beatles, Lady Gaga e Drake. Lo scorso giugno, hanno conquistato un altro record: per il loro concerto in streaming sono stati venduti biglietti per 20 milioni di dollari. Dietro al successo del gruppo c'è Big Hit, etichetta discografica e società di management che ha ora deciso di quotarsi in borsa e dunque espandersi. A renderlo noto è Variety, portale dedicato al mondo dell'intrattenimento: Big Hit ha depositato i documenti per l'IPO - prassi necessaria per la quotazione di una società su un mercato regolamentato, che consiste in un'offerta al pubblico dei titoli - e ha ricevuto il via libera dall'operatore di borsa valori sudcoreano Korea Exchange. Il prossimo passo consiste nel deposito di una dichiarazione di registrazione dei titoli presso la Financial Services Commission: Big Hit ha sei mesi di tempo per farlo. E le major della discografia già tremano.

Aprendosi agli investimenti, Big Hit potrebbe generare entrate economiche sufficienti per diventare una realtà grande e influente (85,4 milioni di dollari gli utili del 2019), aprendo uffici in altri paesi fuori dalla Corea del Sud e assumendo dirigenti e consulenti. Diventando così una seria concorrente delle major discografiche. Stando a quanto riferisce l'agenzia di stampa britannica Reuters, società come JP Morgan, NH Investment & Securities e Korea Investment & Securities avrebbero già firmato come assicuratori.

Le multinazionali in questi ultimi anni hanno intercettato il successo del K-pop e messo sotto contratto artisti come le Blackpink (Interscope / Universal), SuperM (Caroline / Capitol / Universal), NCT 127 (Caroline / Capitol / Universal) e Monsta X (Epic / Sony). Sebbene i BTS distribuiscano la loro musica negli Stati Uniti attraverso la Columbia, che fa parte del gruppo Sony, la band non ha un contratto di cast con l'etichetta e tecnicamente non fa parte del roster di quest'ultima: si tratta di un semplice accordo di distribuzione. Non è escluso che dopo l'eventuale espansione la Big Hit possa fare a meno della Columbia.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.