NEWS   |   Pop/Rock / 18/06/2018

Chi sono i BTS, la band K-pop da record

Chi sono i BTS, la band K-pop da record

Idol band K-pop di Seul, nota anche con il nome coreano di Bangtan Sonyeondan, i BTS sono, a oggi, la prima formazione di questo genere musicale a essere mai arrivata in vetta alla classifica settimanale degli album più venduti stilata da Billboard grazie al disco, uscito quest’anno, “Love Yourself: Tear”. Il primato della band si affianca a quello di aver raggiunto la cima della classifica con un album non in lingua inglese, cosa che non accadeva da dieci anni, da quando, nel 2006, fu “Ancora” de Il Divo a scalare la Billboard chart. Ma vediamo chi sono i sette ragazzi che stanno portando il K-pop oltre i suoi confini.

I BTS, composti da RM, Jin, Suga, J-Hope, Jimin, V e Jungkook, tutti nati tra il 1992 e il 1997 e tutti ballerini, iniziano il loro percorso artistico nella capitale della Corea del Sud nel 2013, messi sotto contratto dall’etichetta K-pop Big Hit Entertainment, per la quale nello stesso anno esce l’album singolo “2 Cool 4 Skool”, esordio che porta alla band diversi riconoscimenti sanciti da premi musicali coreani e internazionali.

Guardando agli esordi dei BTS, acronimo di quello che tradurremmo come "Boy scout a prova di proiettile", i suoi primi componenti vengono scritturati tra il 2010 e il 2011 dalla Big Hit Entertainment, ma solo nel 2012 si arriverà a consolidare la formazione attuale della band, che inizia a farsi conoscere, ben prima del suo esordio discografico, con un’intensa attività sui social - nel 2018 la band entra nel Guinnes dei primati come gruppo musicale con il maggior numero al mondo d’interazioni su Twitter - e sulle piattaforme di streaming musicale, scandita anche dalla pubblicazione di diverse cover, come quella di “Swimming Pools” di Kendrick Lamar.

Il debutto del gruppo, il già citato “2 Cool 4 Skool”, esce come primo capitolo della cosiddetta “Trilogia scolastica”, della quale fanno parte anche i successivi EP “O!RUL8,2?” (2013) e “Skool Luv Affair” (2014). Negli stessi anni, il gruppo partecipa al suo variety show “Rookie Kings Channel Bangtan” e si apre tanto al mercato nipponico quanto a quello russo. Il primo album ufficiale in studio della band esce nell’agosto 2014 con il titolo di “Dark & Wild”, e qualche mese dopo viene pubblicato un album destinato esclusivamente al Giappone, dove la band sta sperimentando un crescente successo, e contenente le versioni in lingua nipponica dei tre singoli "No More Dream", "Boy in Luv" e "Danger". Non sarà la prima volta che i giovani BTS decideranno di confezionare del materiale apposito per i giapponesi, che si dimostreranno un pubblico fedelissimo. 

Nell’ottobre dello stesso anno, i ragazzi sono pronti a scaldare i palchi asiatici con il loro primo tour, il “BTS Live Trilogy – Episode II: The Red Bullet”, con tappe in Corea del Sud, Filippine, Singapore, Thailandia e Malesia. Con l’uscita del terzo EP della band, “The Most Beautiful Moment In Life Part 1”, uscito nell’aprile 2015, i BTS riprendono le tournée con il set di concerti in giro per il globo “2015 Live Trilogy Episode II: The Red Bullet”, che questa volta supera i confini asiatici per arrivare anche in America Latina, Australia e Stati Uniti. Con un’attività incessante, la band dà alle stampe l’EP “The Most Beautiful Moment In Life Part 2”, al quale fa seguito, nel maggio 2016, la raccolta “The Most Beautiful Moment In Life: Young Forever”.

Dopo concerti promozionali e un nuovo tour asiatico, ecco che nel settembre esce il secondo disco della band destinato alla Terra del sol levante, “Youth”, mentre il mese successivo esce “Wings”, secondo album in studio dei BTS, trainato dalla hit “Blood Sweat & Tears”, il cui videoclip supera i 6 milioni di visualizzazioni in un giorno. Il disco garantirà diversi primati alla band: sarà, ad esempio, il primo album coreano a entrare nella UK Official Albums Charts. Cavalcando il successo dell’album, la band, dopo un nuovo tour mondiale, ne pubblica altre due versioni. Mentre la sua popolarità continua a crescere, esce “Love Yourself: Her”, primo EP della serie “Love Yourself”, che include anche un singolo, “Best of Me”, in collaborazione con Andrew Taggert dei Chainsmokers. 

Il 2018 è l’anno del terzo album in giapponese, “Face Yourself”, e del terzo in coreano, “Love Yourself: Tear”, che include anche il singolo “Fake Love”: alla pubblicazione del relativo videoclip su YouTube si contano più di 35 milioni di views in 24 ore, che decretano il video il terzo più visto in un singolo giorno nella storia della piattaforma di video streaming. A questo punto, i BTS sono ormai pronti per un tour mondiale, il primo della loro carriera, che debutterà il prossimo agosto.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi