Roger Waters, ecco la versione 'da quarantena' di due brani dei Pink Floyd: video

L’ex Pink Floyd propone nuove versioni di due canzoni della leggendaria band britannica, registrate con altri musicisti ma nel rispetto del distanziamento sociale.
Roger Waters, ecco la versione 'da quarantena' di due brani dei Pink Floyd: video

Il già bassista, cantante e autore dei Pink Floyd ha pubblicato sui suoi profili social e su YouTube un video che vede Roger Waters e i musicisti della sua band (Dave Kilminster, Joey Waronker, Jess Wolfe e Holly Laessig dei Lucius, Gus Seyffert, Jonathan Wilson, Jon Carin, Bo Koster), eseguire due brani della leggendaria band britannica tratti da “The Wall”. Le canzoni registrate da Waters e dagli altri musicisti, ognuno da un luogo diverso per rispettare le regole del distanziamento sociale, sono “Vera” e “Bring the Boys Back Home”. 

Caricamento video in corso Link

Nella didascalia che accompagna il video, per presentare il primo dei due brani dei Pink Floyd, il quale cita direttamente Vera Lynn - la cantante inglese scomparsa lo scorso giugno all’età di 103 anni - Roger Waters ha scritto:

“La Vera in questione è Vera Lynn. È stata una cantautrice inglese, molto famosa durante la seconda guerra mondiale. Il suo più grande successo è stato ‘We’ll meet again’. Era generalmente nota come la ‘Forces sweetheart’. La nostra Vera, che è ricordata con molto affetto in Gran Bretagna, è morta sei settimane fa all'età di 103 anni. Ha avuto una vita piuttosto lunga, che sia benedetta”.

Caricamento video in corso Link

“Mio padre non tornò mai a casa, ma almeno nel 1944 stava davvero combattendo per difendere la sua casa”, si legge nella parte del testo di Waters che introduce “Bring the Boys Back Home”. Continua: “Non come adesso. Ora i ragazzi combattono e muoiono nelle guerre coloniali in modo che qualche ricco stronzo può arricchirsi. Se dipendesse da me, li porterei tutti a casa domani”.

Caricamento video in corso Link

Qualche giorno fa Roger Waters ha condiviso una cover, realizzata insieme a Jess Wolfe e Holly Laessig dei Lucius, di "Hello In There", canzone scritta dallo scomparso John Prine e originariamente pubblicato nell'eponimo album di debutto del cantaitore americano del 1971. Recentemente l'ex Pink Floyd ha condiviso un'altra anticipazione tratta dalla sua prossima uscita “Us + Them”, il film di Sean Evans dedicato al tour 2017/18 del musicista inglese che arriverà sui mercati il prossimo 2 ottobre. Si tratta del video di “Time” - brano della band britannica incluso nell’album del 1973, “The Dark Side of the Moon”.

Dall'archivio di Rockol - Roger Waters ricostruisce il muro
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.