Grandi concerti aspettando che riprendano i concerti: Blur, live al Glastonbury Festival, 1998

Il Coronavirus ci ha costretto in casa ma non ci ha fatto passare la voglia di live: in attesa che riprendano le danze, ecco alcune delle più grandi performance di sempre

Grandi concerti aspettando che riprendano i concerti: Blur, live al Glastonbury Festival, 1998

Dall'inizio dell'emergenza Coronavirus Rockol vi propone i migliori concerti dei più grandi artisti internazionali. Mentre guardi gratuitamente questo concerto, puoi contribuire ad aiutare chi sta combattendo contro l'epidemia di Coronavirus. Manda un SMS o chiama da numero fisso il numero solidale della Nazionale Italiana Cantanti: 45527, aggiungendo l'hashtag #iosuonodacasa
Il valore della donazione è di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulare personale WINDTRE, Tim, Vodafone, PosteMobile, Coop Voce e Tiscali.
Da rete fissa, sempre al numero 45527, è possibile donare 5 € o 10 € con Tim, Vodafone, WINDTRE, Fastweb e Tiscali, 5 euro con TWT, Convergenze, PosteMobile.
I fondi raccolti sono destinati ad aumentare i posti "unità posto letto rianimazione" (letto, respiratore, pompa, infusionali, monitor) disponibili per l'emergenza Coronavirus (COVID-19) dell'ospedale Niguarda di Milano.

Quando li aveva intervistati per Q nel 1996, il giornalista Adrian Deevoy aveva parlato dei Blur come di una band sull'orlo di una crisi di nervi, e in effetti tutti i torti non li aveva: passata la sbornia del Britpop di inizio decennio, Damon Albarn e soci erano alla ricerca di un'identità. Un processo difficile e per alcuni doloroso: Graham Coxon aveva preso una sbandata per l'indie americano di Pavement, Guided By Voices e Beat Happening, ma aveva anche iniziato ad avere qualche problema con la bottiglia. Discograficamente parlando, il risultato fu "Blur" del '97, il disco di "Song 2", giusto per dare un'idea a chi non abbia troppa confidenza con il catalogo del gruppo: un album più grezzo e spigoloso, con ammiccamenti più al lo-fi che al sound rassicurante da alta classifica. Un disco coraggioso, che venne promosso con un tour mondiale di nove mesi, che nel '98 passò - ovviamente - anche dal festival britannico per antonomasia: quello di Glastonbury.

Caricamento video in corso Link

L'anno successivo, nel '99, sarebbe arrivato "13", ancora più sperimentale e lontano dai canoni del britpop, e poi ancora la defezione (temporanea) di Coxon, durante la quale venne pubblicato "Think Tank" (nel 2003), e poi ancora la trionfale reunion del 2008. Eppure la chiave che ha reso i Blur una band unica nel suo genere sta proprio in quella manciata di anni alla fine del millennio scorso: invece di avvolgersi nella rassicurante Union Jack diventando un cliché, Albarn e i suoi hanno saputo guardare avanti senza rinnegare il passato, anche a costo di mettere in discussione la propria raison d'être. Cosa facile a dirsi, ma molto meno a farsi, per una band che una buona metà della propria carriera l'ha passata in cima al mondo...

Grandi concerti aspettando che riprendano i concerti: guardali qui

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.