Sanremo 2020, Salmo conferma: ‘Non ci sarò. Non me la sento.’

Il rapper sardo conferma che non prenderà parte in qualità di ospite alla settantesima edizione de Festival
Sanremo 2020, Salmo conferma: ‘Non ci sarò. Non me la sento.’

Il rapper sardo ha annunciato che non sarà tra gli ospiti del Festival di Sanremo che prenderà il via il prossimo 4 febbraio. Già ieri, 17 gennaio - durante l'ascolto in anteprima delle 24 canzoni in gara al Festival nella categoria dei "Big" - il direttore artistico Amadeus aveva messo in forse la presenza di Salmo dicendo: “Non so neanche se ci sarà la prima sera..."

In una serie di stories pubblicate su Instagram oggi il rapper di “90MIN” ha spiegato il motivo della sua assenza. Salmo ha detto: “Io vorrei ringraziare di cuore Amadeus e tutto lo staff di Sanremo per avermi invitato come super ospite della prima serata del Festival". Ha poi aggiunto:

"Non sarò presente al Festival di Sanremo. Non me la sento. Mi sentirei a disagio. Vi ringrazio ancora di cuore e vorrei dire che tra i due santi, Sanremo e San Siro, scelgo San Siro. Quindi se volete venire a sentirmi nel posto giusto con la gente giusta venite il 14 giugno a San Siro."

Sempre questa mattina Salmo ha condiviso alcuni video in cui racconta il significato di una frase del testo della canzone “Boogieman” di Ghali - che conta della collaborazione dello stesso Maurizio Pisciottu, questo il nome del rapper - singolo estratto dall’ultimo album del collega milanese che si intitolerà “DNA” e uscirà il prossimo 20 febbraio.

Caricamento video in corso Link

Salmo, in un passaggio del brano in questione, dice: “Sono diventato tutto ciò che ho sempre odiato. E mi piace.” Il rapper nato a Olbia ma di stanza a Milano nelle stories ha detto: “Voglio fare questo video per cercare di spiegarvi la frase che ho detto nella canzone di Ghali, ‘Boogieman’. Anche se non dovrei essere io a spiegarvi quello che dicono le canzoni, visto che le parole sono molto chiare. Dovreste essere voi a capire. Però è difficile comunicare con voi ragazzi, molto difficile. Sembra quasi di dover spiegare l’alfabeto forense a dei ragazzini di prima elementare. Però, visto che ci sono ve lo spiego.” Salmo ha continuato raccontando:

“‘Sono diventato tutto ciò che ho sempre odiato’ non riguardo la musica. Non c’entra nulla con il ‘Sei diventato commerciale’. Io alludevo al benestare, alla vita che faccio ora. Alla ricchezza, ai soldi. Io fino ai 27 anni non avevo una lira, ero un poveraccio. E quando sei un poveraccio odi i ricchi. Però non è un odio reale. È invidia. Noi invidiamo i ricchi perché vorremmo essere come loro. Quando poi, per grazia divina o per talento naturale o perchè ti fai il culo e diventi ricco. Che poi io non sono ricco, sono semplicemente una persona che grazie alla musica la mattina non si deve svegliare per andare a lavorare. I miei genitori non devono più andare a lavorare e hanno una loro casa. Per me la ricchezza è questo. Quindi, quando a un certo punto diventi benestante dici: ‘Cazzo, sono diventato quello che ho sempre odiato.’ Però nella frase poi dico: ‘E mi piace.’ Perché questa cosa me la sono costruita con le mie stesse mani, certo che mi piace. Perché non dovrei essere felice. Quindi smettetela di cercare il marcio, il complotto, il marketing in tutto quello che facciamo. Vivetela molto più tranquilli, perché avete rotto.”

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
3 lug
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.