Woodstock 2019, la riedizione per il cinquantesimo anniversario si sdoppia?

Woodstock 2019, la riedizione per il cinquantesimo anniversario si sdoppia?

A ormai circa otto mesi dall'ora - anzi, data - X, fissata per il prossimo 15 agosto, c'è tutto meno che chiarezza su come (e dove) si concretizzerà l'edizione celebrativa per il cinquantennale del festival di Woodstock, i leggendari "tre giorni di pace, amore e musica" che nel 1969 ridefinirono il concetto di evento musicale all'aperto spianando la strada ai megaraduni dal vivo che oggi rappresentano una delle voci di guadagno principale a livello mondiale dell'industria del live entertainment.

Lo scorso 17 ottobre Michael Lang - con John P. Roberts, Joel Rosenman e Artie Kornfeld tra gli organizzatori dell'edizione originale della manifestazione - fece sapere al Poughkeepsie Journal di essere molto vicino alla chiusura di un accordo per rimettere in scena nella location originale - a Bethel, nello stato di New York - lo storico happening musicale: "Abbiamo dei piani. Dei piani concreti", assicurò Lang, lasciando intendere come la definizione ultima del percorso che avrebbe portato all'attuazione del progetto sarebbe stata solo una questione di soldi - cioè di sponsor.

Quasi contemporaneamente alle esternazioni di Lang, tuttavia, sono affiorate non solo indiscrezioni relative a un'ipotetica line-up del festival - ovviamente infondate, data la presenza di artisti purtroppo non più tra noi come Avicii, o più verosimilmente simulazioni a beneficio di uffici marketing realizzate da promoter interessati a collaborare all'allestimento del raduno - ma anche voci di un coinvolgimento di Live Nation, colosso del live che - riferì Campaing - in collaborazione con la società di marketing londinese INVNT si sarebbe presa carico dell'organizzazione della riedizione dell'evento presso il Bethel Woods Center for the Arts, la venue storica - appunto - del festival.

Due pretendenti per una location, quindi? Un take-over da parte di una multinazionale di un'iniziativa nata indipendente? Difficile saperlo. Di certo, ad oggi, c'è che la manifestazione commemorativa organizzata da Lang non si terrà a Bethel: a farlo sapere è stato lo stesso promoter, sempre al Poughkeepsie Journal. Senza fornire dettagli relativi a nuova venue e all'ipotetico cartellone, l'organizzatore ha escluso categoricamente che la sua creatura possa fare ritorno a Bethel. A darne ulteriore conferma è stata Darlene Fedun, ad del Bethel Woods Center, che augurando a Lang - in modo piuttosto gelido - "buona fortuna per il suo progetto" ha fatto sapere di essere pronta a "prendere in considerazione anche l'organizzazione di un festival musicale" per celebrare il cinquantesimo anniversario di Woodstock, senza però fare il nome di eventuali partner da contattare - o già in corso di trattativa - in vista della produzione dell'evento.

A quanto pare, quindi, l'edizione celebrativa per il cinquantennale del festival che cambiò il mondo potrebbe sdoppiarsi, con una curata da Lang (l'organizzatore originale) in una location diversa da Bethel, e un'altra nel luogo dove nel quale, nel 1969, si svolse lo storico raduno, battezzata dal Bethel Woods Center e - in teoria, stando almeno a quanto riferito da Campaing - con la produzione di Live Nation. Come osservato all'inizio, tuttavia, allo scoccare dell'ora X mancano appena otto mesi, che nel mondo del booking live sono più o meno un battito di ciglia: i grossi nomi sulla scena internazionale i propri calendari, specie quelli per la prossima estate, li hanno già definiti da tempo, così come le proprie agenzie, il cui ordine di priorità a breve - medio termine sono già stati fissati in agenda. E gli sponsor che - almeno in teoria - potrebbero venire in soccorso di Lang, permettendogli di realizzare il suo progetto (seppure in chiave minore, e senza i big indispensabili per una celebrazione di livello) da una situazione del genere potrebbero essere più spaventati che interessati. In sostanza, l'evento dal vivo del 2019 potrebbe rivelarsi un buco nell'acqua.

Music Biz Cafe, parla Enzo Mazza (FIMI)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.