NEWS   |   Industria / 17/11/2018

Festival di Woodstock, quasi confermata l'edizione 2019 per il cinquantesimo anniversario. Michael Lang: 'Non è affare fatto, ma ci siamo vicini'

Festival di Woodstock, quasi confermata l'edizione 2019 per il cinquantesimo anniversario. Michael Lang: 'Non è affare fatto, ma ci siamo vicini'

Potrebbe essere una realtà la nuova edizione del festival di Woodstock che dovrebbe tenersi la prossima estate nella storia location della manifestazione, a Bethel, nello stato di New York, per celebrare il cinquantesimo anniversario dei tre giorni di pace, amore e musica che tra il 15 e il 18 agosto del 1969 cambiarono definitivamente la concezione dei grandi raduni musicali dal vivo. Che gli organizzatori del festival originale stessero elaborando una replica per festeggiare i cinque decenni dalla prima (e concepita come unica) Woodstock non era una novità, ma le recenti dichiarazioni di Michael Lang - con John P. Roberts, Joel Rosenman e Artie Kornfeld organizzatore dello storico evento del '69 - alla testata locale americana Poughkeepsie Journal racconta di un progetto ormai a un passo dall'attuazione pratica.

"Non possiamo ancora dire 'affare fatto', ma ci siamo molto vicini", ha spiegato Lang, oggi settantatreenne, aggiungendo come un annuncio ufficiale riguardo l'edizione per il cinquantennale di Woodstock potrebbe essere ormai questione di giorni o settimane: "Abbiamo dei piani. Dei piani concreti". Lo spirito del nuovo festival sarà improntanto ovviamente all'attivismo, alla giustizia sociale e alla sostenibilità ambientale: "Speriamo di convincere la gente a uscire di casa, a parlare, a impegnarsi, ad andare a votare per salvare questo pianeta. Siamo nei guai, e per molti versi sembra di essere stati trasportati indietro nel tempo".

Il festival di Woodstock è già stato ricordato diverse volte per mezzo di eventi celebrativi: per il decimo anniversario della rassegna gli artisti presenti nel cast dell'edizione originale Richie Havens, Taj Mahal, Country Joe and the Fish, Canned Heat, Jeff Baxter e Elliott Randall si esibirono, nel 1979, al Madison Square Garden di New York, mentre dieci anni dopo, per il ventennale, una pattuglia di artisti guidati dal chitarrista folk Rich Pell tenne una serie di concerti improvvisati nello spazio che ospitò la prima edizione del '69.

Nel '94, per il venticinquennale, a circa dieci miglia dalla location originale si tenne un grande festival di due giorni - tra il 13 e 14 agosto - al quale presero parte, tra gli altri, Violent Femmes, Aphex Twin, Joe Cocker, Crosby, Stills, & Nash, Nine Inch Nails, Metallica, Aerosmith, Primus, Cranberries, Bob Dylan, Red Hot Chili Peppers, Peter Gabriel, Green Day, Santana e anche il "nostro" Zucchero. Tristemente celebre resta invece l'edizione del '99, organizzata per celebrare il trentesimo anniversario del festival: organizzato a circa trecento chilometri dalla location originale e forte di un cartellone nel quale erano inclusi James Brown, Jamiroquai, Korn, Offspring, Korn, Bush, Moby, Chemical Brothers, Limp Bizkt, Rage Against the Machine, Fatboy Slim e Red Hot Chili Peppers, il festival fu funestato da aggressioni, violenze sessuali e atti di vandalismo.

Leggi anche: Come è nato il festival di Woodstock: il ricordo di Rockol per il quarantesimo anniversario