Meek Mill, il rapper rifiuta l’invito della Casa Bianca al summit per la riforma del sistema carcerario

Il rapper Robert Rihmeek Williams, in arte Meek Mill, è da poco uscito di prigione, dove ha scontato la sua pena per aver violato la libertà vigilata alla quale era stato sottoposto, e della sua esperienza in carcere l’artista è stato ora invitato a parlare dalla Casa Bianca. 

Secondo quanto riportato dal sito di gossip TMZ, la proposta della White House sarebbe giunta al rapper in occasione del summit per la riforma del sistema carcerario americano, alla luce delle pesanti critiche che Meek Mill aveva rivolto contro di esso, ribadite anche dai toni del suo primo concerto da uomo libero.

Dopo aver inizialmente accettato la proposta, l’artista ha fatto dietro front, annunciando la sua rinuncia con una telefonata. Non è nota la ragione della scelta di Meek Mill, anche se appare probabile che c’entri qualcosa il collega e amico Jay-Z, che sulle battaglie legali del rapper sta producendo un documentario diviso in sei parti.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.