X Factor, eliminato Gabriele Esposito. Negli inediti vince l'inglese e il già sentito

X Factor, eliminato Gabriele Esposito. Negli inediti vince l'inglese e il già sentito

Si è conclusa la quinta puntata dal vivo di X Factor, undicesima edizione, in cui concorrenti hanno presentato i loro i brani inediti. Sono andati al ballottaggio Gabriele Esposito, dopo la prima manche, e Rita Bellanza, dopo la seconda manche, quella delle cover. La Bellanza si salva nuovamente ed esce Esposito. Tensioni trai i giudici sulla votazione finale con Fedez (mentore dell'eliminato Esposito), che accusa Agnelli per la sua decisione: "Sei solo uno stronzo paraculo".

Parliamo degli inediti, quindi. 4 canzoni in inglese su 8 non sono troppe? Possono funzionare quelle di Maneskin, Nigiotti e Radice. Ma molta, troppa roba che riprende modelli troppo noti, senza infamia e senza lode. Ecco alcune impressioni, brano per brano

Maneskin - “Chosen”  - Damiano David, Ethan Torchio, Thomas Raggi, Victoria De Angelis, prodotto da Maneskin
L'introduzione in cui la band si presenta è insopportabile, ma in linea con l'attidudine arrogante della band. Un rock un po’ funky, molto crossover stile anni ’90. L'inglese è un optional (sembra una cover di “Prisencolinensinainciusol”) ed è molto già sentita, nel suo genere. Ma funziona: ben eseguita e piacevole, con un buon tiro e buona melodia.

Enrico Nigiotti: “L’amore è” - Enrico Nigiotti, prodotto da Enrico Brun
Un brano cantautorale, minimale e basato su un giro di chitarra e percussioni, che danno un tono nu-folk. Ha il limite di essere un po’ già sentito: (“L’amore è solo carte da scoprire” ricorda molto il “"L'amore è solo carte da decifrare” di Fossati), ma è tra i pezzi migliori. L'esperienza si sente.

Samuel Storm “The story” - Samuel Storm, Rory Di Benedetto, Rosario Canale, prodotto da Fausto Cogliati
Pop soul, minimale e ritmato in partenza, poi sale sul crescendo, accennando pure una parte rap.  Piacevole, ma anche qua nulla di nuovo.

Lorenzo Licitra  “In The Name of Love” - Ashley Walls/Fortunato Zampaglione, prodotto da Enrico Brun e Fortunato Zampaglione
Originariamente scritta dalla cantante country della Georgia Ashley Walls, adattato da Fortunato Zampaglione. Pop con un grande ritornello e con aperture potenti per esaltare la voce di Licitra (però effettata, e parecchio, nella versione di studio che abbiamo sentito). Sembra un pezzo da Eurovision, che recita: “Love is all we need, in the name of love”. Che originalità…

Rita Bellanza - “Le parole che non dico mai” -  Levante, Antonio Filippelli, Alice Bisi
Inizia piano e voce, poi si apre, con un crescendo. La scrittura e la firma di Levante è evidente: a tratti sembra di sentirla cantare. Una canzone senza ritornello, meno immediata delle altre. Probabilmente non basterà a far cambiare direzione alla traiettoria discendente della Bellanza, in calo netto da quando sono iniziati i live.

Ros "Rumore"  -Camilla Giannelli, Lorenzo Periuzzi, Kevin Rossetti - prodotto da Rodrigo D’Erasmo e Manuel Agnelli
Riff secchi e ritmi geometrici, sul modello di Franz Ferdinand & Co. Ricorda anche un certo rock anni ‘90: una canzone un po’ urlata, chitarre fragorose e  con diversi cambi di tempo - un collega, agli ascolti di questa mattina lo ha definito: “gli Skunk Anansie suonati dai Prozac +”. Non era un complimento… 

Gabriele Esposito -  “Limits” - Gabriele Esposito, Lorenzo Arciero - Giacomo Pontecorvo, Francesco Pisciotta - prodotto da Fausto Cogliati
Un po' Ed Sheeran, un po' Shawn Mendes, con ritmiche elettroniche su una canzone originariamente scritta su chitarra acustica. Pure troppo. I modelli sono inarrivabili, e la canzone scivola via…

Andrea Radice "Lascia che sia"  - Pietro Foglietti/Andrea Radice, prodotto da Ioska Versari
Scritta assieme a Piero Foglietti (Della scuola de L’Officina della Musica e delle Parole di Alberto Salerno, marito della Maionchi, mentore di Radice). A metà tra cantautorato e pop: bella la produzione, con una base sonora che valorizza la voce calda di Radice. La più originale (e difficile) del mazzo.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.