Todo Modo: Paolo Saporiti, due Afterhours e il cantautorato che fa rumore – INTERVISTA (1 / 3)

Un cantautore destabilizzante, un batterista in cerca di una nuova partenza, un fantasista della chitarra noise. È il cast di “Todo Modo”, l’album di debutto del trio omonimo formato da Paolo Saporiti, Giorgio Prette e Xabier Iriondo Quest’ultimo è il trait d’union fra gli altri due: ha suonato a lungo con Prette negli Afterhours e ha prodotto la musica di Saporiti.

Messi assieme, i tre suonano una sorta di cantautorato noise dai colori carichi, una musica “cruda che arriva dritta in faccia” priva del basso sostituito dalla pedaliera di Iriondo. “La nostra collaborazione” racconta Prette “nasce dalla volontà di Xabier e mia di continuare a fare musica insieme nel momento in cui presi la decisione di lasciare gli Afterhours nell’estate del 2013. Il passo successivo prevedeva l’arruolamento del terzo componente della band, un cantante, compositore e in primis una bella persona. Xabier mi ha parlato di Paolo e ciò mi è bastato per sapere che poteva essere il nostro complice”.

 

In principio c’era un’idea, un concetto musicale, un suono?

Saporiti: L’evoluzione della mia collaborazione con Xabier prevedeva il tentativo di unire un mondo fatto di melodia e di chitarra acustica con una sorta di sperimentazione improvvisativa e noise tipica di Xabier e delle sue esperienze precedenti, il tutto per rendere le mie canzoni più contemporanee. Credo che Todo Modo in qualche modo derivi da lì e dall’evoluzione del nostro rapporto. Mi piace pensare di poter destabilizzare chi ascolta, come solo la vita sa fare, coi suoi continui cambiamenti e richieste. Cerco la libertà d’espressione completa in relazione a quello che ho dentro di profondo e vero.

 

Com’è nata “Soffocare”, la canzone scelta per lanciare l’album di cui avete girato un video al Carroponte di Sesto San Giovanni?

Saporiti: Nasce da una sensazione di fastidio e di soffocamento che deriva dal sentirsi vittima di qualcosa, di una scelta che ti viene attribuita, ma di cui non sei stato assolutamente reso partecipe, tanto per iniziare. Del trovarsi immersi in una situazione che non ti corrisponde.

Prette: È nata da un pattern di batteria che registrai tempo fa, l’abbiamo rispolverato e aggiunto il resto.

Iriondo: Ho registrato un riff di chitarra sopra la parte di batteria, creato il ponte centrale con i bass pedal organ e organizzato una struttura per il brano. La base è piaciuta e Paolo ha scritto un testo. Tutto questo lavoro è stato fatto nell’arco di tre, quattro giorni.

 

(continua...)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.