New Jersey: Bruce Springsteen e Bon Jovi a rischio scure fiscale per una legge 'anti fake farmer'

New Jersey: Bruce Springsteen e Bon Jovi a rischio scure fiscale per una legge 'anti fake farmer'

Lo stato americano del New Jersey si starebbe preparando a varare una legge che risolva il problema dei fake farmers, in italiano "falsi fattori", ovvero proprietari terrieri che registrino al catasto i propri possedimenti come agricoli per sfruttare le vantaggiosissime agevolazioni fiscali concesse ai produttori di frutta e verdura locali: il governo di Trenton varò infatti nel 1964 un provvedimento - volto a incoraggiare le aziende agricole - che garantiva l'esenzione al 98% delle imposte ai proprietari di terreni che dimostrassero di aver guadagnato almeno 500 dollari dalla propria attività.

Negli anni, tuttavia, l'agevolazione che permette di risparmiare la quasi totalità delle imposte di possesso di un terreno è stata sfruttata - oltre che dai fattori "reali" - anche dai cittadini più facoltosi, le cui ville sono circondate da estesi parchi potenzialmente soggetti a carichi fiscali non indifferenti.

Un'indagine della testata locale Asbury Park Press riferita dal Guardian è andata a spulciare la dichiarazione dei redditi dei residenti più famosi, tra i quali rockstar di fama mondiale come Bruce Springsteen (e il batterista della sua E Street Band Max Weinberg) e Bon Jovi, scoprendo una sorprendente passione delle voci di "Badlands" e "Livin' on a prayer" per l'agricoltura. Il Boss, per esempio, sui 200 acri che circondano la sua magione, ha pagato solo 4.600 dollari di tasse, contro i 138.000 che avrebbe dovuto versare se non fossero catalogati come terreno per coltivazione di prodotti organici. Dal canto suo John Francis Bongiovi può permettersi di pagare solo 104 dollari di tasse l'anno sugli oltre 7 acri che circondano la sua villa grazie alla sua passione per la produzione di miele.

Per evitare di favorire i fake farmers il governo del New Jersey sta pensando di alzare il limite minimo di guadagno da dimostrare a 1000 dollari, obbligando il proprietario del terreno ad accettare regolari ispezioni delle proprietà dichiarate agricole. Nel caso, Springsteen potrebbe contare sui favori di Ed Wengryn del New Jersey Farm Bureau, che alla testata locale Record ha assicurato come la proprietà del rocker sia affettivamente un centro di produzione di prodotti organici. A difendere Bon Jovi è stato invece il suo portavoce, che ha precisato al Guardian come il terrenno fosse già oggetto di agevolazioni prima dell'acquisto da parte del cantante, che si è limitato a proseguire la produzione di miele avviata dai precedenti proprietari.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.