Comunicato Stampa: Sonny Fortune 'Tribute to Coltrane' in concerto al Blue Note

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.


SONNY FORTUNE
“TRIBUTE TO COLTRANE”

DA DOMANI MARTEDI’ 7 A GIOVEDI’ 9 OTTOBRE AL BLUE NOTE

SONNY FORTUNE sarà ospite del Blue Note (via Borsieri, 37) da domani martedì 7 a giovedì 9 ottobre per un particolare concerto - tributo a John Coltrane, sassofonista che è sempre stato per lui fonte di ispirazione.
Sonny Fortune, al sax, sarà accompagnato da Stefano Sabatini (pianoforte), Marco Vaggi (basso), e Tony Arco (batteria). I concerti saranno alle ore 21.00 e alle ore 23.30 (apertura porte ore 19.30 – per informazioni/prenotazioni: 02.69016888). L’ingresso per assistere al concerto di Sonny Fortune è di 28,00 euro.

Quando si parla di Sonny Fortune si ricordano i nomi di John Coltrane, Cannonball Adderley, Lester Young, Sydney Bechet, Coleman Hawkins e Charlie Parker.

Questi paragoni sono ben meritati perché Sonny Fortune incarna tutte le qualità di questi grandi musicisti: è un brillante compositore e un improvvisatore originale che unisce una forte carica emotiva e un’energia intensa ad una tecnica abbagliante. Nato a Filadelfia nel 1939 Sonny Fortune decide a diciotto anni di abbracciare una carriera come jazzman. Nel 1967 si trasferisce a New York dove suona con Elvin Jones e Frank Foster prima di unirsi alla band di Mongo Santamaria con la quale rimane due anni. Nel 1971 comincia a suonare con McCoy Tyner, collaborazione che durerà due anni e mezzo. Durante quel periodo Fortune inizia a suonare il sax soprano e cementa una solida fama come musicista innovatore, in particolare con i suoi contributi agli album di McCoy Tyner “Sahara”, “Song For My Lady”, e “Song of the New World”. Dopo questa ricca esperienza, Sonny continua a suonare con la propria band e con il batterista Buddy Rich quando nel 1974 Miles Davis gli offre un ingaggio nel suo gruppo fusion. Fortune aveva già rifiutato la proposta una volta per rimanere con Tyner, ma questa volta accetta con entusiasmo l’opportunità di passare a qualcosa di completamente nuovo. Fortune, adesso esperto di numerosi strumenti (clarinetto, flauto, sax tenore e baritono) rimane con Miles per un anno, registrando quattro album (Big Fun, Agartha, Pangaea e Get Up With It). Nel corso degli anni Sonny registra anche con grandi musicisti come Dizzy Gillespie, Elvin Jones, Oliver Nelson, George Benson, Nat Adderley, per citarne alcuni. Nel 1975 Sonny forma la propria band e il suo esordio discografico come leader è segnato da due album acclamati dalla critica (Awakening e Waves of Dreams ), che costituiscono solo l’inizio di numerose incisioni. Durante i dieci anni successivi, oltre a condurre il proprio quartet, Sonny suona insieme a Nat Adderley e nella Elvin Jones Jazz Machine. Nel 1987 e 1988 fa parte della Coltrane Legacy Band con McCoy Tyner, Elvin Jones e Reggie Workman. Dopo questa esperienza Sonny Fortune continua intensamente la sua attività concertistica e discografica (incide due album come sideman con Rabih Abou-Khalil), fino al suo album più recente come leader, In the Spirit of John Coltrane. Per tale occasione Sonny si è circondato del contrabbassista Reggie Workman e del batterista Rashied Ali che entrambi hanno suonato con Coltrane. L’album ha ricevuto un consenso unanime dalla critica, facendo eco alla frase di Howard Mandel : “Il contributo più importante lasciato da Coltrane per il futuro della musica improvvisata è probabilmente l’esempio di integrità spirituale e di carica emotiva. Sonny suona con entrambe.”.


Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.