Paola Turci: ‘Ecco il mio nuovo mondo'

Paola Turci: ‘Ecco il mio nuovo mondo'
“Questo è un nuovo inizio”. Le prime parole con cui Paola Turci presenta il suo nuovo album “Questa parte di mondo” (vedi recensioni) sono più che eloquenti. Dopo una carriera più che decennale, la cantante romana è ripartita da zero. Nuova etichetta (la NuN Entertainment), nuova musica e nuovo atteggiamento.

“Il mio nuovo disco è in realtà un’opera prima”, spiega Paola. Rockol l’ha incontrata nei giorni scorsi a Milano, in occasione della presentazione dal vivo dell’album alla Feltrinelli (del quale vi proporremo prossimamente una registrazione integrale sul nostro canale Streaming). “E’ la prima volta che mando tutti a casa e rimango da sola a scrivere e comporre. Ho sempre collaborato con altre persone –produttori, arrangiatori-, ma questa volta ho sentito l’esigenza di provare a cavarmela da sola. Poi, dopo questa prima fase di composizione, ho preso la band, l’ho chiusa in un casale per due mesi; così, con calma, abbiamo registrato l’album.”
“Questa esigenza di indipendenza”, spiega ancora Paola, “è maturata in 15 anni di lavoro. Poi, ad un certo punto, è esplosa. Forse per delle circostanze personali, apparentemente sfortunate ma in realtà fortunate, ho sentito la necessità di essere autonoma”.
“Rifarei quasi tutto, gli errori mi sono serviti molto”, aggiunge. “E della musica che ho fatto in precedenza ero in realtà un interprete; anche quando la scrivevo, non sempre mi apparteneva fino in fondo”.

“Questa parte di mondo” invece, è appunto un nuovo inizio: un disco musicalmente essenziale, scarno e rock, che sorprenderà chi avrà la pazienza di ascoltarlo. Canzoni centrate sui rapporti interpersonali, tra amaro disincanto e l’incanto della passione. “Non sono partita con l’idea di fare un concept album sul rapporto di coppia”, spiega l’artista. “Anzi, non sono partita con l’idea di fare un disco… Mi sono ritrovata con delle canzoni e quando le ho riascoltate mi chiedevo se la gente avrebbe creduto che le avevo scritte davvero io... A livello tematico si sono collegate da sole, senza un’intenzione al proposito. Questo è stato un disco terapeutico. Anche per questo ho scelto ‘Questa parte di mondo’ come titolo: è una parte interiore di me che è venuta allo scoperto ed è riuscita ad esprimersi.”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.