Paura di volare: Travis Barker non va in tour con i Blink-182

Travis Barker ha chiesto ai suoi due compagni di gruppo di sostituirlo per l'imminente tour australiano che i Blink-182 avevano confermato.

Il batterista, come forse si ricorderà, sopravvisse ad un disastro aereo che nel 2008 decimò i suoi compagni di viaggio di un volo in South Carolina, e ora è terrorizzato dai velivoli. "Non sono ancora riuscito a dimenticare i terribili eventi che accaddero l'ultima volta che ho volato", ha scritto su Facebook il musicista, "quando il mio aereo si schiantò e 4 persone rimasero uccise. Due di esse erano carissimi amici. Ho dato alla band il mio assenso di portarsi un altro batterista. Spero di venire in Australia di nuovo, un giorno, magari in nave. Purtroppo stavolta non sono riuscito a trovare per tempo una nave. Mi scuso nuovamente con tutti i fan". Nello scorso luglio il musicista era apparso leggermente possibilista. "E' difficile dire cosa la band sia in grado di fare e quale sia il suo potenziale, perché io non potrò accompagnarla ovunque", aveva detto Barker. "Ho preso in considerazione l'idea di stare malissimo salendo su un volo per l'Australia".




Contenuto non disponibile







Alla fine del mese scorso Mark Hoppus dei Blink, intervenuto al Midem di Cannes, aveva affermato che in futuro saranno aziende come Levi's o Gap a fare i dischi. Il cantante e bassista aveva detto: "L'influenza attuale che i brand esercitano sugli artisti è una cosa che si vedrà sempre di più nel prossimo futuro. A causa del crollo delle case discografiche e della loro mancanza di fondi da investire ci saranno gruppi che si faranno sponsorizzare registrazioni e album, e a pubblicarli e finanziarli saranno ditte come Levis o Gap. Succederà sempre più spesso, dal momento che le band dovranno rivolgersi altrove, piuttosto che alle tradizionali case discografiche, per trovare le risorse necessarie".

 
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.