Pussy Riot, parla Vladimir Putin: 'No ad un giudizio troppo severo'

Pussy Riot, parla Vladimir Putin: 'No ad un giudizio troppo severo'

Ha preso parola direttamente il presidente russo Vladimir Putin, da ieri a Londra per assistere ai Giochi Olimpici (e, sempre da ieri, destinatario di una lettera aperta pubblicata dal Times scritta da una nutrita rappresentanza di artisti britannici, tra i quali Pete Townshend degli Who, Johnny Marr degli Smiths, Jarvis Cocker dei Pulp, Alex Kapranos dei Franz Ferdinand, Neil Tennant dei Pet Shop Boys) sulla vicenda delle Pussy Riot, collettivo punk russo sotto processo in questi giorni a Mosca per aver contestato il Cremlino con una provocazione inscenata sul sagrato della cattedrale di Cristo Salvatore, nella capitale russa, lo scorso 21 febbraio



Parlando ai microfoni della BBC l'ex dirigente del KGB poi insediatosi per la prima volta al Cremlino nel 2000 come successore di Boris El'cin si è augurato che la pena per le rocker dissidenti non sia esemplare: "Non c'è nulla di buono in ciò che hanno fatto, ma penso che non debbano venire giudicate troppo severamente".

"Il dissenso è un diritto in ogni democrazia", è stato scritto nella lettera degli artisti britannici pubblicata ieri dal Times: "E' totalmente sproporzionata una pena di sette anni con l'accusa di 'vandalismo ispirato da odio religioso' per quello che hanno fatto".

In Italia, a far sentire la propria voce in solidarietà a Nadezhda Tolokonnikova, Maria Alekhina e Yekaterina Samutsevich, sono stati gli Elio e le Storie Tese, che hanno comunicato di voler adottare il nuovo nome Pistulino Riot fino a che le tre artiste non verranno rilasciate.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.