Concerti, tragedia in Calabria per la Pausini. Parla Jovanotti: 'Più sicurezza'

Concerti, tragedia in Calabria per la Pausini. Parla Jovanotti: 'Più sicurezza'

Jovanotti, già colpito da una tragedia simile - quando, lo scorso 12 dicembre al Palasport di Trieste, il crollo del palco in fase di allestimento uccise lo studente lavoratore Francesco Pinna -, è intervenuto via Twitter per commentare l'incidente che, alle due di questa notte, ha visto perdere la vita Matteo Armellini, elemento della technical crew (nello specifico, rigger, ovvero arrampicatore, addetto al lavoro su carichi sospesi) di Laura Pausini, travolto dal collasso della struttura in fase di allestimento al Pala Calafiore di Reggio Calabria.

"(Sono) vicino alla famiglia di Matteo Armellini. Molto dolore per quello che è accaduto di nuovo stanotte a Reggio Calabria", scrive Lorenzo, presente ieri ai funerali di Lucio Dalla e in partenza per una serie di date negli Stati Uniti: "Un abbraccio a Laura e alla sua squadra. E' necessaria una discussione molto seria tra organismi competenti su come possiamo migliorare il livello di sicurezza. Per noi addetti ai lavori e per il pubblico. Le normative ci sono e nei tour vengono rispettate ma dobbiamo capire tutti noi coinvolti cosa deve cambiare".

Secondo Alessandro Bellucci, il presidente dell'associazione di categoria del promoter italiani Assomusica, sentito da Rockol lo scorso gennaio, una delle criticità maggiori nell'organizzare tournée di questo tipo sarebbe il sempre più risicato margine di utile distribuito sulla filiera che permette ad un artista di mettere in scena e portare di città in città uno spettacolo: "Considerate le nostre condizioni di lavoro. Negli ultimi anni due aspetti hanno concorso a rendere più difficile la nostra attività: la crisi del settore discografico ha spinto band e cantanti a buttarsi sul mercato del live, ancora in salute, cercando per mezzo di concerti e tournée di recuperare le perdite patite sul versante delle vendite degli album, e le esigenze degli artisti in materia di produzioni hanno vissuto una vera e propria escalation, arrivando a portare in stadi e palazzetti palchi e impianti fino a qualche anno fa nemmeno immaginabili". In breve, più lavoro da fare in meno tempo, con budget non sempre all'altezza. "Il problema sta nei margine di utile che tutti gli attori della filiera riescono a ritagliarsi", specifica Bellucci: "Lavorando sempre più al limite è implicito che si cerchino sempre più margini di risparmio per rientrare nei bilanci. E lavorare al risparmio è sempre difficile".

Dall'archivio di Rockol - A Sanremo, per strada all'Ariston
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
26 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.