Alessia D’Andrea, vincitrice con i piedi per terra

I progetti per il futuro di Alessia D’Andrea? “Rimanere una persona semplice, tentare di crescere umanamente conservando una propria integrità morale.

E’ questo il primo pensiero”. Cosentina di vent’anni, folti capelli scuri, occhi verdi “come il mare del sud” e spirito caldo tipico del meridione, Alessia parla veloce e in modo vivace, accogliendo Rockol entusiasta mentre, in un uggioso pomeriggio di luglio, cerchiamo di conoscere qualcosa in più di questa giovane musicista; che, dopo molti sacrifici, è riuscita finalmente ad ottenere un riconoscimento prestigioso: Alessia è stata infatti votata come la migliore artista esordiente al Premio Città di Recanati: all'edizione di quest'anno, svoltasi il 21, 22 e 23 giugno nella pittoresca città leopardiana (vedi news), ha presentato il brano “Per la mia strada”, scritto in collaborazione con Antonio Notaro.


“Sul palco di Recanati ho sentito affetto e calore. E la cosa che mi ha fatto più piacere è stata essere scelta anche dal pubblico in sala, l’ultima sera, un voto che è risultato fondamentale per scegliere il vincitore”.

Ad Alessia, come succede a molti, la passione per la musica è cominciata insieme alla vita stessa: “Il rapporto tra me e la musica è stato naturale, fin da molto piccola.

A casa ho persino un filmato di quando avevo un anno e mezzo, e già impugnavo il microfono! Poi a quattro anni ho iniziato a suonare un vecchio pianoforte che ancora conservo in salotto; di conseguenza, a sei anni, mi sono ritrovata a prendere lezioni classiche. Mentre imparavo cercavo di espandere le mie conoscenze, ascoltando di tutto: prima la musica italiana di Pino Daniele, poi la musica straniera, come il soul, l’R&B e l’acid jazz. E alla fine ho incontrato Antonio Notaro che ha creduto in me, e con il quale da qualche tempo a questa parte compongo la mia musica. E’ uno scambio reciproco. Insieme a lui, dopo diversi concorsi, è iniziata la mia vera e propria carriera musicale”. .


Nonostante la canzone presentata a Recanati sia un brano acustico di stampo piuttosto tradizionalista, Alessia sembra amare la sperimentazione, sia quella più moderna che quella della tradizione folk meridionale.
“Adoro Keith Jarrett, ma credo che nessuno possa avvicinarsi alla sua arte. Mi piace anche Chick Corea, ma Jarrett rimane un grande sperimentatore, anche se lui odia questa definizione. Io comunque mi sento ancorata alla tradizione folk del mio paese. Da noi le tradizioni sono ancora forti, belle, e vere. Quando avevo 16 anni e mi spostavo da Cosenza fino ad Amàroni, il piccolo paesino dove Antonio ha lo studio di registrazione, i miei amici non capivano. Invece per me è stato importantissimo. Ho fatto molti sacrifici – e tuttora li faccio – perché il viaggio è molto lungo. Ma ne è valsa la pena. Per la musica se ne fanno tanti, di sacrifici".
Anche se è ancora frastornata dalla vittoria ottenuta a Recanati, che le ha portato oltre all’interesse del pubblico anche quello di diverse case discografiche, Alessia è già proiettata verso il futuro prossimo: “Suonare, suonare, suonare, all’infinito! Sono già pronta a registrare un intero disco, di cui ho già tutte le canzoni. Ci sarà un’atmosfera calda e mediterranea, nella mia musica. Darò tutta me stessa, lo preparerò al meglio; perché non voglio deludere le aspettative di chi sta credendo in me”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.