Il frontman dei Rose Tattoo si candida alle elezioni federali

Il frontman dei Rose Tattoo si candida alle elezioni federali

Angry Anderson - il calvissimo e tatuatissimo leader degli Australiani Rose Tattoo - da tempo è noto per il suo impegno nel sociale, ma ora è intenzionato a scendere direttamente in politica. 
Anderson, infatti, si è unito ai The Nationals (il partito nazionalista conservatore australiano che si fa portavoce degli interessi delle aree rurali) e sembra proprio che sarà tra i candidati ai seggi del Parlamento.

Il cantante ha commentato così la sua discesa nell'arena della politica: "Una carriera in politica è il naturale proseguimento del lavoro che faccio per la comunità".

Nel contempo i Rose Tattoo sono ancora in attività: nati nel 1976 non hanno praticamente mai smesso di suonare e pubblicare dischi (eccetto un breve periodo di scioglimento tra il 1987 e il 1989). 



Contenuto non disponibile


 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.