Sanremo 2010: question time, ovvero 'Sanremo? Parliamone' (3)

Sanremo 2010: question time, ovvero 'Sanremo? Parliamone' (3)

Il malanimo giornalistico di cui parlava il direttore di RAI Uno si spiegherebbe benissimo: siamo costretti a fare da figuranti per un'ignobile farsa quotidiana. Ma i giornalisti, come potete vedere in diretta televisiva ogni giorno, sono tutti contenti di fare i figuranti, e Maurizio Costanzo lo sa: infatti apre la trasmissione di oggi con una lisciata ai "veterani" della militanza giornalistica al Festival, per i quali auspica un riconoscimento.
L'abilissimo Costanzo strappa un applauso per Nilla Pizzi, ospite stasera, e per Fabrizio De André, che oggi avrebbe compiuto 70 anni.
Alessandra Carnevali di Blogosfere attribuisce all'interesse del web il (dichiarato) "ringiovanimento" del pubblico televisivo di quest'anno.

Gianmarco Mazzi - e come ti sbagli? - raccoglie l'assist e rivendica il merito.
Altra aria fritta riempie  parecchi minuti, Costanzo offre sprazzi di visibilità ai singoli giornalisti che ne profittano come possono, e siccome anche le radio hanno il loro diritto alla notorietà televisiva dà spazio anche ad alcuni conduttori radiofonici che stamattina sono stati "ammessi" in sala stampa - e in perfetto stile radiofonico fanno domande lunghissime e (ci perdonino) abbastanza inutili, in quanto con risposta inclusa.
Al tavolo c'è abìnche il presidente della SIAE Giorgio Assumma, del quale non importa nulla a nessuno e infatti fa tappezzeria. Costanzo gli offre la parola, e Assumma la butta sullo spiritoso, poi auspica che il Festival non muoia mai e enuncia due considerazioni - ampiamente superflue.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.