Biografia

Umberto Emilio Bindi nasce a Genova nel 1932. A 12 anni inizia lo studio del pianoforte, e nello stesso tempo suona la fisarmonica. Scrive la sua prima canzone, "T'ho perduto", nel 1950.
Nel 1954 scrive le musiche per una rivista rappresentata al Lido di Venezia con attori allora poco noti come Paolo Villaggio, Rosanna Schiaffino e la veterana Marisa Allasio. Nel 1956 scrive le musiche per la commedia "I nodi al pettine" rappresentata al Teatro Duse di Genova.
Il compositore Franco Mannino lo scopre e gli commissiona un valzer alla francese dal titolo "Il barcarolo della Senna", prima sua composizione pubblicata. Nel 1958 scrive le musiche per la commedia goliardica "Oscar non ti spogliare". Il regista Silverio Blasi lo incarica di scrivere le musiche della commedia televisiva "Non te li puoi portare appresso" con Sergio Tofano. Nello stesso anno Joe Sentieri lo fa arrivare a Milano per proporlo all'editore Sonzogno che però non lo apprezza. Grazie a Tony De Vita approda alla Ariston.
Bindi incontra Nanni Ricordi e Giampiero Boneschi; Marino Barreto jr. ascolta alcune canzoni di Bindi e sceglie, per un 45 giri della Philips, "Arrivederci" insieme alla già famosa "Angelitos negros": “Arrivederci” è il primo successo di Bindi, ed è seguito da "I trulli di Alberobello", in gara a Sanremo nel 1958 interpretata dal Duo Fasano, dal Trio Joyce e da Aurelio Fierro.
Nanni Ricordi decide quindi di far cantare Umberto Bindi, e produce il suo album di debutto per la Ricordi: BINDI E LE SUE CANZONI (1960), che include “Il nostro concerto”, su testo di Giorgio Calabrese. In seguito Bindi incide quattro 45 giri, di cui uno ha grande successo. “Il mio mondo”, con testo di Gino Paolo, che nella versione inglese di Cilla Black (“You’re my word”) va in classifica in Inghilterra e nella versione francese di Richard Anthony va in classifica in Francia (sarà ripresa nel 1976 da Dionne Warwick e nel 1978 da da Tom Jones.
Nel 1965 Bindi scrive le musiche per "Turandot" di Carlo Gozzi, diretto da Beppe Menegatti, con la partecipazione di Carla Fracci, Giulio Brogi, Ottavia Piccolo, Paolo Poli e dei ballerini del Maggio Musicale Fiorentino. Bindi è anche attore, e partecipa alla tournée che dura tutta l'estate.
Nel 1967 e nel 1968 è in gara come autore a Sanremo rispettivamente con "La musica è finita" (testo di Nisa-Califano), interpretata da Mario Guarnera e Ornella Vanoni, e "Per vivere" (testo di Nisa) cantata da Iva Zanicchi e Udo Jurgens.
La vita privata di Umberto Bindi, la sua omosessualità, non gli permettono di ottenere visibilità dalla televisione di Stato e dai giornali; per vivere Bindi decide allora di accettare di suonare nei pianobar e sulle navi da crociera.
Riesce a pubblicare un album solo nel 1972: gli arrangiamenti di CON IL PASSARE DEL TEMPO sono di Bill Conti, i testi sono di Bruno Lauzi, Gino Paoli, Giorgio Calabrese.
Nel 1975 Amilcare Rambaldi lo propone per la Targa Tenco che sarà poi lui stesso a consegnargli, lo stesso anno.
Nel 1976 esce un nuovo album, IO E IL MARE, decisamente sinfonico e contenente quattro brani solo orchestrali.
Solo nel 1982 esce l’album D’ORA IN POI, realizzato e prodotto da Sergio Bardotti che scrive anche i testi delle canzoni.
Nel 1985 viene realizzato uno dei primi trbuti discografici a un artista ancora vivente: nasce così il long playing "Bindi" al quale partecipano, anche duettando con Umberto, Loredana Berté, Antonella Ruggiero dei Matia Bazar, Anna Identici, Fiorella Mannoia, Ornella Vanoni, Celeste, Sonia Braga.
Nel 1991 viene invitato al festival della canzone d'autore di Recanati; nel 1993 intraprende una tournée teatrale con Bruno Martino. Viene realizzato un CD, in vendita solo ai concerti, dal titolo IL 'NOSTRO' CONCERTO.
Nel 1996 partecipa a Sanremo con "Letti", su testo di Renato Zero, cantata con i New Trolls. Sempre in quell'anno Renato Zero produce per la sua Fonopoli un nuovo lavoro di Bindi: DI CORAGGIO NON SI MUORE.
Una lunga malattia, vissuta fra difficoltà economiche (viene chiesta per lui l’applicazione della legge Bacchelli) lo accompagna fino alla morte, avvenuta nel maggio del 2002. (20 gen 2009)