Biografia

Dopo lo scioglimento dei Kyuss, il cantante chitarrista Josh Homme si sposta da Palm Desert in California a Seattle, dove suona per un paio d’anni con gli Screaming Trees, e si inserisce nella scena locale, collaborando anche con l'ex bassista dei Soundgarden Ben Shepard.
Nel 1997 forma i Queens of the Stone Age, con l’ex-batterista dei Kyuss Alfredo Hernandez. Il gruppo pubblica un EP, debuttando nel 1998 e nello stesso anno si unisce al gruppo Nick Oliveri, altro reduce dai Kyuss.
Nel 2000 la band firma con la Interscope, pubblicando l’acclamato RATED R. Nel 2002 esce SONGS FOR THE DEAF, con alcuni ospiti d'eccezione dalla scena di Seattle: l'ex nirvana Dave Grohl siede alla batteria, Mark Lanegan appare alla voce in un brano.
Nonostante l'ottima accoglienza riservata, da pubblico e critica, al nuovo album, la band capitanata da Homme inizia dare segni di crisi: nel 2004 il bassista Nick Olivieri viene estromesso dalla band. Benché non venga data una spiegazione ufficiale al cambio di formazione, fonti ben informate parlano di attriti tra il musicista ed il vecchio amico - nonché leader della band - Josh. Nonostante tutto, la band prosegue per la propria strada e pubblica, nel 2005, LULLABIES TO PARALYZE: dopo alcune date del tour promozionale, anche Mark Lanegan, nel frattempo entrato in pianta stabile nel gruppo, si chiama fuori per problemi di salute. Dopo la pubblicazione del live OVER THE YEARS AND THROUGH THE WOODS del novembre dello stesso anno, nel 2007 la band realizza l’eccellente ERA VULGARIS, che vede la partecipazione del leader degli Strokes Julian Casablancas.
Nel 2010 – a dieci anni dalla sua prima pubblicazione – il gruppo realizza una nuova versione dell’album che lo ha portato al successo: esce infatti RATED R – DELUXE EDITION.
Per il 2013 è atteso un nuovo album (con la collaborazione di Trent Reznor) con Dave Grohl di nuovo alla batteria dopo più di dieci anni da SONGS FOR THE DEAF. Dopo molti misteri il titolo è LIKE CLOCKWORK, in uscita a giugno.
In agosto del 2017 arriva - poi - il nuovo VILLAINS, accolto con grande entusiasmo da critica e fan; è il primo disco della band a non vedere la partecipazione di ospiti speciali. (24 nov 2017)