Biografia

I fratelli Noel e Liam Gallagher provengono da Manchester, la cui scena musicale è animata, sul finire degli anni ’80, da Stone Roses, Inspiral Carpets, Happy Mondays e James. Proprio come tecnico degli Inspiral Carpets, Noel Gallagher inizia a girare nell’ambiente musicale, fino a quando nascono i Rain, gruppo di amici a cui si aggiungono in ultima battuta proprio i fratelli Gallagher. Il successo è scarso fin quando non li nota il boss della Creation Alan McGee.
Gli Oasis si confermano subito come gruppo da singoli, azzeccando tanto l’esordio con "Supersonic", che i successivi "Shakermaker" e "Live forever". Nel 1994 esce così il primo album della discografia degli Oasis, DEFINITELY MAYBE, strepitoso successo di critica e di pubblico. Inizia anche una forte rivalità con i Blur di Damon Albarn, nei confronti dei quali volano insulti pesanti da parte dei fratelli Gallagher: Noel augura al loro leader di contrarre l’AIDS. In seguito, i due si renderanno protagonisti di diverse polemiche verbali anche con George Harrison, i Rolling Stones, Robbie Williams e altri colleghi giovani e vecchi. Con i singoli si gioca la battaglia delle charts, ma quando esce (WHAT’S THE STORY?) MORNING GLORY la bilancia pende a favore degli Oasis, che rimangono in classifica per mesi e vendono oltre 5 milioni di copie nella sola Gran Bretagna. Tuttavia il gruppo non riesce a sfondare il “muro” americano, anche perché durante la decisiva tournée negli Stati Uniti Liam Gallagher lascia il gruppo, con una di quelle impennate caratteriali che caratterizzeranno i due turbolentissimi fratelli (Liam verrà arrestato più volte, quasi sempre per rissa).
In ogni caso in Europa l’attesa per il terzo album si fa spasmodica e finalmente BE HERE NOW arriva nel 1997. L’album non ottiene il successo sperato e Noel Gallagher, accusato di ripetere la stessa formula (peraltro largamente ispirata dai Beatles) ammetterà in seguito che il lavoro non ha la forza dei precedenti. Nel 1999 la formazione va incontro a un altro periodo turbolento, che culmina con la fuoriuscita di Paul "Bonehead" Arthurs e di Paul "Guigsy" McGuigan. A sostituirli arrivano il chitarrista Gem Archer e il bassista Andy Bell, anche se il nuovo album è ormai quasi pronto. Esce il 28 febbraio del 2000 e si intitola STANDING ON THE SHOULDERS OF GIANTS. Non ha un grande successo e anche questa volta Noel Gallagher ammette che non è stato sorretto dalla migliore ispirazione. Più in generale, il gruppo sembra in difficoltà a indossare con tranquillità i panni di superstar delle pagine rosa (visti i legami dei due fratelli con Patsy Kensit e Meg Matthews, amatissime dai tabloid) e contemporaneamente di “redentori” del rock britannico. Dopo poco, tutti i legami si sfaldano: quelli sentimentali dei due fratelli (Liam divorzia e regala nuove emozioni ai giornali scandalistici flirtando con una delle All Saints) e anche quello tra loro due. Irritato con Liam, Noel pianta in asso il gruppo a metà tournée, spiegando che ha bisogno di una pausa dai concerti ma anche dal fratello. Alla fine dell’anno arriva il live FAMILIAR TO MILLIONS, registrato allo stadio di Wembley.
Dopo l'inevitabile pausa di riflessione presa dagli Oasis, la discografia ricomincia a decollare, con i fratelli Gallagher che tornano più forti che mai: nell'estate del 2002 esce HEATHEN CHEMISTRY, che segna un ritorno ad atmosfere più rock e chitarristiche. Non mancano le polemiche: il disco trapela in rete ben due mesi prima dell'uscita nei negozi, dando vita all'ennesimo putiferio mediatico che vede coinvolto il gruppo e il suo entourage. Per il nuovo disco, tuttavia, bisogna aspettare ancora quasi tre anni: DON'T BELIEVE THE TRUTH esce a fine primavera 2005 e anche questa volta finisce in rete con largo anticipo. Gli Oasis lo presentano con un tour in piccoli club (la data di Milano va esaurita in tre ore) che anticipa i concerti estivi all'aperto. A fine 2006 esce STOP THE CLOCKS, raccolta doppia con la firma di Robert Blake sulla copertina e 2 cd che contengono il meglio della band (lasciando volutamente fuori BE HERE NOW e inserendo molte b-side amate dai fan). Per promuovere il disco, Noel si imbarca da solo in un mini tour acustico.
La fine del 2007 segna il ritorno, ma anche il progressivo scioglimento degli Oasis: la discografia viene ampliata con l'incisione di quello che diventa DIG OUT YOUR SOUL, in uscita nell'ottobre 2008. La band anticipa la pubblicazione con un tour e, a Toronto, Noel viene assalito da un fan, che lo butta giù dal palco. Nel 2009, dopo l’ennesima lite tra i fratelli, Noel lascia la band, permettendo a Liam di utilizzare la formazione per creare un nuovo gruppo, i Beady Eye di cui esce un disco nel 2010 (il secondo, BE, arriva nel 2013). Anche il fratello nel 2011 pubblica un album solista, NOEL GALLAGHER’S HIGH FLYING BIRDS. Nel frattempo viene realizzata una raccolta, TIME FLIES 1994-2009, che raccoglie i ventisette singoli usciti nel corso dei 15 anni di carriera. Nel 2014, nel ventennale dell’uscita, esce la ristampa rimasterizzata di DEFINITELY MAYBE, che nel frattempo ha venduto 15 milioni di copie nel mondo. Liam Gallagher accoglie la ristampa con un messaggio sprezzante su Facebook: “Non fatevi fregare”. È prevista la ripubblicazione anche di (WHAT’S THE STORY?) MORNING GLORY e BE HERE NOW. (07 mar 2014)