«SALUTAMI TUO FRATELLO - Marco Ligabue» la recensione di Rockol

Marco Ligabue - SALUTAMI TUO FRATELLO - la recensione

Recensione del 11 mag 2021 a cura di Franco Zanetti

Voto 7/10

La recensione

Si legge spesso (e ne ho scritto spesso anch'io) di quanto sia complicato essere figli d'arte, nel mondo della musica e più in generale in quello dello spettacolo.

Non è semplice nemmeno il ruolo dei "fratelli d'arte", che nella musica sono piuttosto frequenti, all'estero (a partire da Brian, Dennis e Carl Wilson dei Beach Boys e Ray e Dave Davies dei Kinks, passando attraverso Malcolm e Angus Young degli AC/DC, Noel e Liam Gallagher degli Oasis, Justin e Dan Hawkins dei Darkness, fino a Josh, Jake e Sam Kiszka dei Greta Van Fleet) ma anche in Italia (Mia Martini e Loredana Berté, i tre fratelli Bennato Edoardo, Eugenio e Giorgio in arte Zito, Alessandro "J-Ax" e Luca "Grido" Aleotti, Fabrizio "Fabri Fibra" e Francesco "Nesli" Tarducci, Francesco e Luigi "Grechi" De Gregori). Collaborazoni e litigi, partnership e separazioni (Paola e Chiara Iezzi), solidarietà e rivalità; il rapporto di parentela è comunque una realtà che condiziona, nel bene o nel male, la vita di due persone che scelgono la stessa strada di espressione artistica.

Ecco: leggendo il libro di Marco Ligabue, mi pare di aver capito che il suo rapporto con in fratello Luciano è fra quelli (pochi) risolti ed equilibrati. Fin dall'ammiccante titolo, Marco mette in chiaro le cose: con la consapevolezza di essere meno noto di Luciano, ma anche quella di rappresentare, in qualche maniera, un tramite fra lui e il resto del mondo, e di interpretare questo ruolo con serenità e con soddisfazione.
Oggi cinquantunenne, Marco - che in sostanza si è inventato uno dei fan club più frequentati d'Italia, il Bar Mario di Luciano, e che all'inizio ha gestito anche il merchandising del fratello maggiore - ha cominciato a fare musica con una chitarra regalatagli da Luciano e acquistata al negozio Roxy Hall di Reggio Emilia, e poi ha proseguito, prima con il gruppo rockabilly Little Taver and his Crazy Alligators, poi con i Rio e ora da solista.

La sua da musicista è stata davvero "una vita da mediano", nel senso che non lo ha mai fatto diventare davvero famoso; ma si è sempre sviluppata fieramente in autonomia, senza viaggiare a rimorchio di quella del fratello, del quale rivendica di essere il primo fan. La racconta in queste pagine con orgoglio e con modestia, con un linguaggio colloquiale e senza ambizioni letterarie, con abbondanza di aneddoti e qualche sprazzo di commozione (quando scrive del padre e della figlia Viola). E il libro si legge volentieri e con piacere.

Franco Zanetti

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.